ANNO 9 n° 340
Il Sindaco Giulivi chiede lo stato di calamità naturale
Si contano i danni dopo il violento nubifragio
19/11/2019 - 16:50

TARQUINIA - Riceviamo e pubblichiamo dal comune:

Il Comune di Tarquinia, con lettera firmata dal sindaco Alessandro Giulivi, ha chiesto ai ministeri di competenza, alla Regione Lazio nella persona del presidente pro-tempore e degli assessori di riferimento, di ottenere il riconoscimento dello stato di calamità naturale, dopo il violento nubifragio che si è abbattuto sul territorio.

Le forti e intense piogge, il vento e le violente mareggiate, hanno duramente colpito l’intero territorio, e pregiudicato le attività di tantissime aziende in vari settori.

Uno straordinario evento meteorologico, che ha provocato tantissimi danni tra allagamenti, devastazione delle colture esistenti, in particolare ai terreni adibiti alla produzione intensiva di grano, orzo e ortaggi di stagione.

Gravemente danneggiate le strutture balneari lungo il litorale, così come la spiaggia quasi completamente scomparsa a causa delle forti mareggiate e reso del tutto inutile il ripascimento effettuato negli anni scorsi con grandi sforzi economici.

Situazione questa che ha compromesso, in alcune zone, la prossima stagione balneare mettendo a rischio diverse imprese.

Gravi danni alle condotte fognarie e reti stradali; particolarmente colpite quelle agricole che ad oggi, in molti casi, sono impercorribili.

La Riserva Naturale delle Saline ha subito danni incalcolabili così come le pinete prospicienti il mare.

Alla luce di tutti questi danni creati da questa eccezionale ondata di maltempo, il Comune di Tarquinia ha fatto richiesta di riconoscimento dello stato di calamità naturale.

Gli uffici tecnici stanno lavorando da giorni per certificare lo stato dei luoghi e acquisendo materiale fotografico pervenuto dai cittadini che hanno segnalato danni in più aree del territorio.

La formale richiesta di “Stato di calamità naturale” è propedeutica al dossier finale che sarà elaborato per certificare la portata dei danni che hanno messo in ginocchio un intero territorio.







Facebook Twitter Rss