ANNO 10 n° 29
Il ribaltone di Vittorio Sgarbi Sindaco di Sutri
L'accusa politica del coordinatore locale Vincenzo Petroni
13/12/2019 - 16:51

SUTRI - Riceviamo e pubblichiamo da Coordinatore locale di Forza Italia Vincenzo Petroni:

'Se qualcuno vuole entrare nelle nostre file, se vuole accettare il mio modesto programma, se vuole TRASFORMARSI e diventare progressista come posso io respingerlo?'

(Agostino Depretis, 8 ottobre 1882)

...In realtà la revoca del vice Sindaco di Sutri Felice Casini e la sua sostituzione con il capogruppo di minoranza Lillo di Mauro sconfitto alle elezioni comunali del 2018 non è semplice trasformismo ma un RIBALTONE bello e buono.

Questa operazione antidemocratica realizzata a Sutri dal sindaco Vittorio Sgarbi avrebbe fatto impallidire perfino il maestro del trasformismo Agostino Depretis.

Questa l'accusa politica del coordinatore locale di Forza Italia Vincenzo Petroni che in questi giorni ha condiviso quanto accaduto nell’amministrazione comunale di Sutri con gli organi provinciali del partito.

Il ribaltone realizzato dal sindaco Sgarbi, afferma Petroni, ha infatti consentito all' opposizione di sinistra, sconfitta alle elezioni del 2018, di sostituire il centro destra, rappresentato dal vicesindaco Casini e dai quattro consiglieri Amori Matteo, CasiniNunzia , Maggini Milo e Zocchi Roberto, nella maggioranza consiliare.

Cos'altro se non il solo desiderio di potere può aver portato il sindaco Sgarbi eletto dal centro destra a trovare accordo con il consigliere capogruppo di minoranza Lillo di Mauro uomo notoriamente di sinistra?

Un patto di reciproca e personale utilità che ha portato oggi, chi ha perso le elezioni amministrative a sedere sui banchi della maggioranza.

Eppure il sindaco avrebbe potuto porre in essere ogni iniziativa politica differente dal RIBALTONE per consolidare e allargare la maggioranza se realmente avesse avuto problemi con la maggioranza storica nata dal voto di giugno 2018.

Avrebbe per esempio potuto nominare Lillo di Mauro presidente del consiglio garantendo cosi una rappresentanza istituzionale anche alla minoranza costituendo un governo di solidarietà locale.

avrebbe potuto eventualmente nominare lo stesso Lillo Di Mauro, o un'altro componente la minoranza all'interno della Giunta LASCIANDO FELICE CASINI AL SUO POSTO DI VICE SINDACO IN RAPPRESENTANZA DEGLI ELETTORI DI CENTRO DESTRA CHE HANNO VOTATO E FATTO VINCERE LA LISTA RINASCIMENTO

Purtroppo a nulla sono valse le richieste formulate dal sottoscritto tendenti ad evitare la revoca di Felice Casini fatte pervenire sia privatamente che pubblicamente al SINDACO SGARBI.

Sgarbi ha tradito la volontà dei cittadini che hanno eletto una maggioranza sostanzialmente di centro destra spostando il baricentro delle sue alleanze a sinistra tenendo presente che la sua giunta già aveva al suo interno il PD con l’ assessore Proietti ancora oggi in giunta.

Siamo certi che l’operazione di potere che ha consegnato Sutri alla sinistra continua Vincenzo Petroni, porterà alla completa paralisi di un’azione amministrativa già logorata, resa inefficiente da un sindaco troppo assente, troppo istrionico e troppo occupato da molteplici attività.

Citando Frank Dane potremmo dire che Sgarbi è: 'quell'uomo liberale che darebbe via tutto quello che non possiede” compresi i voti degli elettori di centro destra che ha tradito.

Forza Italia, conclude Petroni, qui a Sutri non avallerà il ribaltone e porterà avanti tutte quelle iniziative politiche necessarie a far cessare il prima possibile questa operazione autoritaria, illiberale e antidemocratica.

Il presente comunicato oltre che ad essere inviato alla stampa viene inviato al segretario provinciale di Viterbo di Forza Italia Alessandro Romoli affinchè venga inviato ai vertici regionali e nazionali del partito e al Presidente Silvio Berlusconi.

 






Facebook Twitter Rss