ANNO 9 n° 170
''Il professor Vismara, voce della società e della storia viterbese''
Il ricordo di Sposetti durante la premiazione del concorso letterario ''Alessandro Vismara''
24/05/2019 - 15:54

di Annamaria Lupi

VITERBO - ''È stata la personalità più illustre di Viterbo. Impegnato socialmente e culturalmente, osservatore attento della politica oltre a un convinto sostenitore della libera università della Tuscia''.

È il ritratto, sincero e appassionato, che l'ex senatore Ugo Sposetti ha regalato al pubblico ed agli studenti del liceo delle scienze umane e musicale S. Rosa che hanno affollato la sala Regia di Palazzo dei Priori per la cerimonia di premiazione del concorso letterario intitolato al docente e grande giornalista Alessandro Vismara.

''Attraverso i suoi articoli sul Messaggero e i suoi servizi per il Tg regionale ha aperto una finestra sulla storia della nostra provincia e sulla società viterbese''.

Ricorda poi i suoi tre grandi amori: scuola, giornalismo e giovani. Ai quali consiglia di leggere un libro, edito nel 1985, contenente una selezione degli articoli scritti da Vismara.

Sposetti infine rivela: ''Ho un solo cruccio: non essere riuscito a realizzare la Fondazione Vismara''.

Dopo l’esibizione alla chitarra di due studentesse del S. Rosa, la cerimonia di premiazione. I ragazzi si sono cimentati su un articolo in cui dovevano esprimere la loro opinione sulle politiche giovanili della Ue.

La prima classificata, Costanza Cataluddi, ha ricevuto un premio in denaro; al secondo, Francesco Lippolis, e al terzo, Marco Bonucci, una targa ciascuno.

L’evento è stato aperto dal saluto istituzionale del sindaco Giovanni Arena e dall’intervento del preside Alessandro Ernestini del liceo S. Rosa, di cui ''il professor Vismara è stato una colonna importante e prestigiosa''.






Facebook Twitter Rss