ANNO 9 n° 347
Il professor Saladino presidente dell'Istituto astrobiologico
Alla cerimonia di fondazione l'Unitus in prima fila
27/11/2019 - 10:15

VITERBO - Il professore Raffaele Saladino come presidente Società Italiana di Astrobiologia ha presieduto la cerimonia di fondazione dell'Istituto Astrobiologico Italiano rete dei laboratori nazionali di Astrobiologia, la sola struttura nazionale di ricerca e divulgazione ad occuparsi esclusivamente di questo tema.

L'Università della Tuscia ha avuto ed avrà un ruolo centrale, sia per la presidenza del professor Saladino sia in quanto futuro ospite del primo meeting dell'Istituto. Considerando l'importanza del comparto aerospaziale nella economia della nostra regione (e nazionale) l'Unitus dunque ricopre un ruolo di primaria importanza.

La Società Italiana di Astrobiologia (Sia), presieduta da Raffaele Saladino della Università della Tuscia di Viterbo, al fine di promuovere le conoscenze di base ed applicate dell’Astrobiologia e con lo scopo di agevolare il coordinamento e lo sviluppo congiunto di diverse discipline scientifiche e dei relativi programmi di ricerca, ha promosso la fondazione dell’Istituto Astrobiologico Italiano-Rete dei laboratori Nazionali di Astrobiologia Iai-AstrobioLab (www.astrobiologia.weebly.com), per il raggiungimento dei seguenti obiettivi nella ricerca fondamentale ed applicata: Promuovere il progresso delle conoscenze; Sviluppare e coordinare la ricerca del settore; Stimolare la collaborazione tra i ricercatori di diverse discipline; Favorire lo sviluppo di tecnologie abilitanti per applicazioni terrestri e spaziali. Alla fondazione dello Iai-AstrobioLab hanno partecipato numerosi laboratori di ricerca selezionati tramite apposito bando pubblico da un panel di esperti nazionali ed internazionali che hanno verificato la qualità delle competenze astrobiologiche dei richiedenti. Lo Iai- AstroBioLab rappresenta attualmente l’unica struttura nazionale avente come unico obiettivo lo studio della astrobiologia, ed è composto dai laboratori specializzati delle Università di Viterbo, “Federico II” di Napoli; 'Sapienza' di Roma; Tor Vergata di Roma ; di Torino; di Bologna; di Trento; dell’Aquila ; di Parma; dal Laboratorio di Astrobiologia del Inaf-Osservatorio Astrofisico di Arcetri e dall' Istituto di Bioscienze e BioRisorse del Consiglio Nazionale delle Ricerche -Sede di Napoli Questi laboratori sono coinvolti grazie ad una elevata competenza e professionalità nella ricerca fondamentale ed applicata nei principali settori della astrobiologia, che comprendono l’origine della vita, l’astrochimica, la chimica prebiotica, la radiobiologia, la biologia sintetica, gli estremofili, l’abitabilità, la ricerca della vita nello spazio, la ricerca della vita nei pianeti extra-solari, la panspermia, lo sviluppo di nuove procedure analitiche, e l’identificazione di biomarcatori della vita. Gli importanti risultati già conseguiti nell’ambito di questi studi sono testimoniati dai numerosi progetti di ricerca Nazionali ed Internazionali attualmente in corso i cui risultati trovano importanti applicazioni oltre che in ambiente spaziale anche nello sviluppo della tecnologia e nella definizione di nuovi protocolli e procedure per la salute e il benessere umano. L’Istituto Astrobiologico Italiano-Rete dei laboratori Nazionali di Astrobiologia Iai-AstrobioLab avrà anche l’importante funzione di educare e formare una nuova generazione di ricercatori per l’Astrobiologia con una formazione interdisciplinare e multisettoriale.






Facebook Twitter Rss