ANNO 7 n° 87
Il palazzo di Donna
Olimpia torna a vivere
Assegnato dal Comune il bando per la messa in sicurezza dell'edificio
15/03/2017 - 07:22

VITERBO – Il Palazzo di Donna Olimpia sta per tornare ai suoi antichi splendori. L’edificio storico, gioiello dell’architettura viterbese all’interno delle mura civiche, era stato dichiarato completamente inagibile dopo l’ultimo grande terremoto del 30 ottobre scorso. Completamente perché una parte era già chiusa da anni in uno stato di grave fatiscenza ed abbandono. Ma le cose stanno per cambiare. Il Comune di Viterbo ha infatti finalmente assegnato il bando per i lavori allo storico palazzo di via San Pietro.

Gli interventi di messa in sicurezza e ristrutturazione dell’edificio intitolato a Donna Olimpia sono stati affidati ad una piccola ditta di Cura di Vetralla: l’impresa di Eugenio Zibellini. L’importo complessivo previsto per i lavori ammonta a più di 50mila euro. Questa somma, che arriva dopo anni di mancati fondi per la sistemazione della struttura in questione, è stata inserita nella variazione di bilancio approvata dall’amministrazione comunale lo scorso 25 novembre.

All’interno dell’edificio, di proprietà del Comune, risiedono le sedi di ben 29 associazioni che, finalmente, potranno tornare ad usufruire di quei locali privati da anni a causa della fragilità della stessa struttura minata poi dal tempo, dalle scosse di terremoto e dai mancati lavori di mantenimento e, successivamente, di ristrutturazione.

Il Palazzo di Donna Olimpia inoltre, si trova su via San Pietro ed è circondato da edifici altrettanto fatiscenti e pericolosi. Spesso infatti i vigili del fuoco intervengono, come lo scorso 11 febbraio, per mettere in sicurezza l’area dalla caduta di intonaci e calcinacci, ma oltre a posizionare transenne tutto rimane come prima. Una situazione questa, che con il passare del tempo, ha esasperato i residenti della zona, sempre più preoccupati per la loro incolumità e per quella di chi si trova a passare per via San Pietro, come gli studenti del vicino liceo magistrale di Santa Rosa. La sistemazione del Palazzo di Donna Olimpia rappresenta perciò un passo importante e un’iniezione di fiducia per tutti quei viterbesi che da anni chiedono degli interventi per la loro sicurezza.







Facebook Twitter Rss