ANNO 9 n° 265
Il Monterosi si regala Mandro in mediana
Colpo del presidente Cialli; Scorsini: ''Siamo giovani ma venderemo cara la pelle''
12/09/2013 - 04:00

di Domenico Savino

VITERBO – A quattro giorni dall’inizio del campionato il Real Monterosi si regala un colpo a centrocampo: arriva l’esperto Laert Mandro, classe , classico uomo d’ordine della mediana in grado di ricoprire diversi ruoli in una zona delicata del campo. Mandro garantisce qualità ed esperienza ad una formazione giovane che rispetto all’ano scorso ha cambiato tanto in nome di un budget ridimensionato e di una politica legata alla valorizzazione del settore giovanile. Salvarsi non sarà semplice e di questo il nuovo nocchiero Marco Scorsini è pienamente convinto.

E come lui il presidente Flaminio Cialli che il Monterosi lo ha portato in Eccellenza e non ha alcuna voglia di lasciarsi sfuggire la massima categoria regionale. E per rinforzare la squadra ha strappato Mandro alla concorrenza. Il centrocampista è l’ultimo di una lista di ragazzi che in estate hanno sposato il progetto di austerity vagliato lungo la Cassia. Sono tornati Provinciali e Merelli, ma soprattutto Armando Borgognoni che deve garantire i gol pesanti per la salvezza.

Sono rimasti Luciani, Ferri e Franchitti: a loro il compito di are da guida e da chioccia per i più giovani: Fallini e Letteriello (ex Flaminia), Rossi (ex Tor Sapienza), Salvatori (ex settore giovanile della Viterbese), Torroni (dal Cerveteri), Malinconico dal Grifone Monteverde, Tonetti (ex La Storta).

E per una stagione che si annuncia difficile Scorsini vuole puntare sul sicuro: dal Bracciano ha fatto arrivare Palombini e Gentili e dall’Anguillara - sua ultima creatura – Nori uno dei suoi fedelissimi. Sin dal primo giorno di ritiro il tecnico è stato chiaro: corsa ed entusiasmo devono essere le armi del Monterosi per vincere la guerra (cioè per conquistare la salvezza): ''Sono soddisfatto del lavoro che è stato finora fatto – spiega – di come il gruppo sta crescendo e  di come sta rispondendo alle sollecitazioni. Le amichevoli, per quanto non ci siano i tre punti in palio, mi hanno atto capire a che livello di apprendimento del mio credo calcistico sono arrivati i ragazzi. Anche domenica contro il Ciampino (è finita 2-2 con il Monterosi che ha rimontato due reti di scarto, n.d.r.) abbiamo fatto molto bene. Poi sono arrivate le vittorie contro Almas, Vis Aurelia e Ronciglione United che hanno dato ulteriore entusiasmo''.

L’inizio di campionato è terribile per il Monterosi: Sorinese all’esordio in trasferta, poi in sequenza Cerveteri, Rieti e Civitavecchia. Un mese di fuoco che serve a testare subito la capacità degli under di adattarsi ad un torneo complicato come l’Eccellenza (e quella di quest’anno presenta difficoltà maggiori). Scorsini è schietto quando dice ''Peggio di così non ci poteva andare. Però non mi scoraggio e ho detto alla squadra di vivere alla giornata, pensare gara dopo gara restando seri e umili. La mia bravura deve essere quella di rialzare i ragazzi quando arriveranno i momenti difficili. In tutti i casi ho detto ai miei ragazzi che in ogni gara venderemo cara la pelle. Su questo ci posso giurare''.





Facebook Twitter Rss