ANNO 8 n° 350
Il centrodestra va
in frantumi
Effetto Roma sulla Tuscia; forzisti divisi da leghisti e Fdi a Vetralla e Montefiascone
06/05/2016 - 02:01

di Roberto Pomi

VITERBO – Centrodestra a pezzi, chiamatelo se volete ''effetto Roma''. Terremoto a Vetralla, dove salta il tavolo e si avranno due liste di centrodestra. Spaccatura totale tra Forza Italia e il tandem Fratelli d’Italia – Noi con Salvini. Il quadro che si sta delineando parla della nascita di due liste. Una con candidato sindaco l’uscente Sandrino Aquilani e che sembra pronto a stringere un’alleanza con i Mo.Ri, rappresentati sul territorio da Francesco Biancucci.

I ''meloniani'' e ''salviniani'' sono pronti a presentare una lista, Noi per Vetralla, con candidato sindaco Giulio Zelli. Stessa situazione nell’altro comune più significativo di questa tornata. L’uomo scelto da Fdi e Noi con Salvini per la corsa a primo cittadino è Massimo Paolini, che è sostenuto anche dall’associazione il Melograno e altri pezzi civici. Rovesciato il tavolo di confronto con i forzisti, che probabilmente dovranno lavorare a presentare una propria lista.

A Orte si conferma l’asse tra Fdi e leghisti, insieme all’interno di Orizzonte Comune e a sostegno della candidatura a sindaco di Angelo Giuliani. Anche in questo caso Forza Italia sembra destinata a fare una partita diversa, probabilmente all’interno della lista di Dino Primieri. Spaccatura anche in alcuni comuni più piccoli. A Oriolo Romano il candidato del ticket Fdi-Noi con Salvini è Gabriele Caropreso e a Gallese Magrini Alessandro, rispettivamente con le liste Scelta Comune e Gallese nel Cuore. Il centrodestra si ''sfettuccia'' anche a Vitorchiano con Forza Italia che sembra destinata a presentare due liste, una con candidato Massimiliano Baglioni e l’altra con Natalia Gentili. Fratelli d’Italia e Noi con Salvini stanno valutando se aggiungere un’ulteriore lista alla competizione già piuttosto affollata o convergere sulla lista che sostiene la candidatura di Gemini Ciancolini. Qui la confusione di quella che fu la ''l’invincibile armata del centrodestra'' è totale.

Al punto che è possibile trovare l’ex candidato sindaco della civica del centrodestra del 2011 Giampaolo Arieti in lista a sostegno di Ruggero Grassotti, sostenuto anche dal Partito Democratico. In poche parole si assiste al crepuscolo e al caos da cui prima o poi dovrà nascere un nuovo schema.






Facebook Twitter Rss