ANNO 9 n° 167
''I Vestiti Nuovi Dell’Imperatore''
In scena domenica 9 al San Giovanni
06/06/2019 - 09:37

VITERBO - La compagnia formata da bambini dai 6 agli 11 anni impegnati sul grande classico nella versione di Gianni Rodari.

Prendete una dozzina di bambini e portarli a mettere in scena una lunga filastrocca che ha per temi l’ipocrisia e l’autocompiacimento del potere; fateli vestire i panni di quegli adulti in fondo vittime e burattini essi stessi di quel mondo di falsità che concorrono a riprodurre…e ne vedrete delle belle, vi stupirete e ne riderete, anche se amaramente. L’asservimento al potere e l’omologazione dei più, rispetto a delle verità tanto evidenti, quanto destabilizzanti… Di un’attualità sempre pregnante.

Con questo spettacolo il regista Simone Precoma ha investito la sua giovane troupe nella riduzione teatrale de “Il Vestito Nuovo dell'Imperatore” di Gianni Rodari, spassosa versione dell’omonima fiaba danese scritta da Hans Christian Andersen nel1837.  In particolare ponendo l'accento sugli aspetti grotteschi e paradossali di un testo che porta con sé un messaggio semplice e potente: alla base di ogni sopruso, angheria, ingiustizia, manipolazione c'è sempre una deformazione della realtà, in opposizione al valore fondante, seppur scomodo, della convivenza umana, che è la verità.

Lo spettacolo è stato messo in scena durante l’anno scolastico all’interno del Corso di Teatro della Scuola Paritaria “San Giovanni”, con ragazzi già avvezzi al mezzo teatrale e con nuovi arrivi di quest’anno. Una sfida che ha visto Simone Precoma coadiuvato dall’altro docente e musicista Andrea Roncolini, autore anche di una canzone originale scritta e interpretata per l’occasione.

L’immediatezza della narrazione, la comicità delle scene e la profondità del testo, rendono la rappresentazione adatta sia ad un pubblico adulto sia ai bambini e perfetto per un pomeriggio a teatro in famiglia.

Lo spettacolo avrà luogo presso i locali della Scuola Paritaria San Giovanni alle ore 18,00 di domenica 9 giugno, largo Rosa Venerini 1 Viterbo, nella grande sala cappella del primo piano.







Facebook Twitter Rss