ANNO 8 n° 265
I tifosi non bastano: sconfitta pesante
La sconfitta brucia e iniziano i progetti per il futuro: la vetta si allontana
23/10/2017 - 07:18

VITERBO - Aria pesante nel post partita di Viterbese - Siena. Un'altra sconfitta in casa abbassa il morale gialloblu. Tre goal subiti dal Siena capolista creano preoccupazione nonostante il cambio in panchina che ha riportato Federico Nofri Onofri al Rocchi.

Un post partita silenzioso che proietta la società verso un futuro da chiarire. Troppi errori individuali e difensivi che, il nuovo tecnico, deve iniziare a limare il prima possibile. La vetta della classifica inizia ad allontanarsi. Dall'altra parte, invece, c'è la gioia dei toscani che continuano la loro vita da capolista nonostante l'incubo Livorno.

''Una vittoria sofferta, pesante e meritata - esordisce il tecnico bianconero Mignani - forse nel secondo tempo ci siamo abbassati un po' troppo e non siamo riusciti a seguire gli attaccanti. Marotta è il nostro leader riconosciuto dai compagni. Ma si deve lavorare sempre da squadra: lui può ancora crescere tantissimo secondo me. Non ha espresso mai a fondo la sua potenzialità. Anche Guberti è un ragazzo che può crescere ancora come Sbraga che non conoscevo. E poi, io rispondo alle vostre domande sui singoli, ma sono certo che ciò che conta di più è la squadra. Ma penso che anche la Viterbese sia una gran bella squadra''.

Ha concluso uno dei marcatori di serata, ALessio Campagnacci: ''Erano importanti i tre punti. Quando non cerco il goal lo trovo. Il mister fa le sue scelte in base a quello che vede in settimana, ci sta l'alternanza con Samuele Neglia. E le scelte si accettano''.





Facebook Twitter Rss