ANNO 10 n° 19
I tifosi in campo per salvare la Viterbese
Su Facebook un appello per raccogliere fondi e incontrare il patron Camilli
02/07/2015 - 12:37

VITERBO - Non ce la fanno proprio a rassegnarsi, i tifosi della Viterbese. Come dargli torto, d'altronde, di fronte allo spettro dell'ennesimo ''anno zero'' calcistico, una beffa atroce considerando l'entusiasmo con cui era stato accolto l'arrivo di Camilli a Viterbo e le aspettative che aveva sollevato.

Ora si parla di mancata iscrizione al campionato di serie D, destino analogo a quello subìto dall'altra creatura del patron, il Grosseto, fuori dai dilettanti dopo 13 stagioni gloriose. Che fare, allora, di fronte al rischio di dover ricominciare di nuovo tutto da capo?

I sostenitori gialloblu non vogliono restarsene immobili, a rodersi i rispettivi fegati nell'attesa delle fatidiche ore 18 del 30 giugno, termine ultimo per l'iscrizione. Il rischio è quello di fare la fine dei ''cugini'' maremanni, ottimisti fino all'ultimo e rimasti con un pugno di mosche in mano, forse anche meno.

Ecco, allora, l'accorato appello lanciato nell'etere: ''Viterbo siamo noi'', una pagina Facebook per chiamare a raccolta tutti quelli che la Viterbese ce l'hanno nel cuore e tentare una complicata operazione di salvataggio. ''Noi nutriamo ancora una speranza'' si legge sul gruppo, accanto all'emblematica foto dello slogan con tanto di hashtag #finoallafine.

L'idea è quella di chiedere a Piero e Vincenzo Camilli un incontro con una delegazione di tifosi, per capire se esistono ancora margini di manovra o meno. E, allo stesso tempo, lanciare una raccolta fondi per contribuire all'iscrizione della Viterbese alla serie D.

''Chiediamo a tutti i viterbesi di stringersi intorno ai colori gialloblu'' si legge in chiusura del messaggio. Un tentativo disperato, certo. Ma i tifosi vogliono giocarsi ogni carta a disposizione nel mazzo. Richiudere i sogni di gloria nel cassetto sarebbe una crudeltà troppo grande per tutti. E allora meglio rischiare che restare a guardare. Grosseto docet.





Facebook Twitter Rss