ANNO 10 n° 20
I gialloblù in Sardegna per il riscatto
La Viterbese deve rialzare la testa contro il Budoni dopo il ko con il Cynthia
01/03/2015 - 01:00

VITERBO - Chissà che la Sardegna non porti fortuna a questa Viterbese ferita ma ancora viva, decisa a fare il possibile per ritardare la festa della Lupa Castelli Romani lassù in vetta alla classifica. Le ultime due uscite nell'isola, contro Olbia e Selargius, sono valse sei punti buoni per continuare a sognare il primo posto. Stavolta, una vittoria servirebbe a evitare la chiusura anticipata del discorso promozione.

Mentre la capolista va a far visita all'Astrea, già battuta due volte tra campionato e Coppa Italia, i gialloblu si trovano a dover fare i conti con qualche assenza e con un morale ai minimi termini dopo la battuta d'arresto casalinga contro il Cynthia.

Contro il Budoni, Ferazzoli dovrà così lavorare su un doppio fronte: scongiurare il rischio di ulteriori contraccolpi psicologici e mandare in campo una formazione inedita, venendo anche incontro alle richieste del patron Camilli che in settimana auspicava l'utilizzo di qualche giocatore finito ai margini della squadra.

Primo dubbio tra i pali, dove Zonfrilli potrebbe sostituire il fin qui inamovibile Fadda come estremo difensore. In difesa, al posto dello squalificato Tuniz, probabile l'impiego di Pacciardi. A rischio il febbricitante Giannone, fin qui infaticabile cervello della mediana, con la possibilità di rivedere dal primo minuto Giulio Faenzi, spesso inchiodato in panchina nelle ultime settimane.

Davanti, infine, si va verso la conferma del tandem pesante composto da Pippi e Saraniti, con il solito imbarazzo della scelta sugli esterni: perso Oggiano per un brutto pestone al piede, Ferazzoli lancierà due tra Neglia, Morini e Pero Nullo.

La società intanto, insieme al negozio d'abbigliamento Stay Free Lab, ha lanciato l'hashtag #finoallafine, un chiaro messaggio rivolto a tutti quelli che danno già per chiuso il discorso campionato. Oggi in Sardegna si attende il primo responso del campo.





Facebook Twitter Rss