ANNO 9 n° 171
Giornate Fai di primavera, presentati gli appuntamenti
Nel weekend aperte le porte di Palazzo dei Priori, Palazzo Gallo e Palazzo di Vico
21/03/2019 - 16:37

VITERBO - Presentate questa mattina a Palazzo dei Priori le Giornate Fai di Primavera in programma sabato 23 e domenica 24 marzo, a cura della delegazione FAI e del gruppo Fai Giovani di Viterbo. Ad aprire le porte saranno i “palazzi del potere”, ovvero Palazzo di Vico in via Sant'Antonio, Palazzo Gallo, in via Malatesta a Bagnaia e Palazzo dei Priori, piazza del Plebiscito. L'ingresso, con orario continuato per entrambe le giornate, sarà dalle ore 10 alle ore 17. Le visite guidate (anche in lingua inglese) saranno a cura dei volontari narratori del FAI; a Palazzo Gallo ci saranno anche gli studenti universitari del corso di restauro e il gruppo di volontari FAI Giovani Viterbo.

L'ingresso è gratuito, chi vorrà potrà lasciare un'offerta libera che andra a sostenere il Fai nazionale nei suoi numerosi interventi di restauro. Nei tre siti aperti per l'occasione a Viterbo sarà possibile iscriversi al FAI. A illustrare dettagliatamente la due giorni è stata Lorella Maneschi, capo delegazione Fai Viterbo, che prima di addentrarsi nel programma, ha voluto ringraziare chi, a vario titolo, ha contribuito all'organizzazione dell'evento e delle iniziative collaterali previste dalla manifestazione. “A Palazzo di Vico saranno allestiti dei pannelli con immagini del bombardamento su Viterbo risalenti alla seconda guerra mondiale. Per questo ringrazio il colonnello Leonardo Moroni, comandante della Scuola marescialli dell'Aeronautica militare – Aeroporto di Viterbo, insieme al primo maresciallo Maurizio Mastrogiovanni, al primo maresciallo Marco Salimbeni e al primo maresciallo Armando Tortora del nucleo fotografico della Scuola Marescialli Aeronautica militare, comando Aeroporto di Viterbo. Sempre a Palazzo di Vico verranno proiettate le varie fasi del lavoro di restauro che è stato effettuato in questi anni. Per questo ringrazio l'archiettetto Luca Cosimi e lo studio LC Arkè che fornirà i rilievi 3D dell'antico palazzo. Oltre ai nostri volontari, saranno sul campo per l'occasione quattro gruppi di protezione civile: il Nucleo Volontariato Protezione Civile A.N.C., AEOPC Faul, Unità cinofila da soccorso, e il gruppo Tuscia Viterbo. A Palazzo Gallo, oltre all'associazione Amici di Bagnaia Arte e Storia, ci saranno gli studenti del corso di restauro DiBAF che hanno lavorato all'antico soffitto ligneo e il gruppo FAI Giovani Viterbo. Saranno loro a narrare la storia dello storico palazzo. Palazzo dei Priori è quello maggiormente conosciuto, aperto al pubblico ogni giorno. Mi auguro che anche gli altri due palazzi, così come tanti altri gioielli del nostro territorio, possano aprire le loro porte al pubblico. Non solo in occasioni particolari come le giornate del FAI”. L'apertura straordinaria dei tre palazzi viterbesi è stata possibile anche grazie alla Fondazione Carivit, al sostegno della Regione Lazio, all'Università degli Studi della Tuscia, in particolar modo dei dipartimenti DiBAF e DiSUCOM e a tutta una serie di realtà economiche e istituzionali. “Un ringraziamento particolare va al Comune di Viterbo – ha aggiunto il capo delegazione – per la sensibilità mostrata dal sindaco Arena e dagli assessori Allegrini e De Carolis verso la nostra iniziativa e verso il FAI. Il Comune di Viterbo è iscritto al FAI. Un gesto non scontato e nemmeno frequente da parte di un comune”. “É motivo di orgoglio per noi mostrare luoghi come Palazzo di Vico, Palazzo Gallo e Palazzo dei Priori in tutta la loro bellezza – ha sottolineato l'assessore Allegrini, presente alla conferenza -. Sono luoghi storici. Il recupero di Palazzo di Vico è stato qualcosa di davvero straordinario. Man mano che si andava avanti con i lavori venivano fuori le varie stratificazioni dei secoli trascorsi. Quale migliore occasione delle giornate Fai per proiettare al pubblico tutto il lavoro che è stato realizzato, e che oggi, da viterbesi, ci fa essere davvero orgogliosi di questo patrimonio”. “Il Fai ha scelto tre nostri gioielli per questa edizione delle giornate di primavera – ha concluso il sindaco Arena -. I tre palazzi rientrano tra gli oltre millecento luoghi aperti straordinariamente per questa edizione. Quella del FAI è una manifestazione imponente, che porta a riscoprire e valorizzare, e, in alcuni casi a far scoprire per la prima volta, pezzi di storia, arte e cultura”.






Facebook Twitter Rss