ANNO 8 n° 23
Gioco online: contro la crisi si fa ricorso alla fortuna
12/01/2018 - 12:28

Affidarsi alla fortuna per combattere la crisi non è un fenomeno nuovo ma, negli ultimi tempi, l’ammontare delle risorse destinate dagli italiani ai giochi d’azzardo e di fortuna è aumentato notevolmente e la sua crescita non accenna ad arrestarsi.

Nonostante la stagnazione economica e l’alto tasso di disoccupazione stiano da anni mettendo in difficoltà il bilancio di moltissime famiglie, le statistiche riportano che molti cittadini spendono quel poco che possiedono nel gioco, investendo in slot machine online e nei bar, in scommesse, lotterie e gratta e vinci.

Le cifre sono effettivamente da capogiro e, solo nella regione Lazio, le statistiche riportano che nel 2017 sono stati spesi in gioco d’azzardo circa 7 miliardi e 600 milioni, un dato che corrisponde approssimatamene al 10% della spesa nazionale. La Regione si posizione come seconda, dopo la Lombardia, nella classifica della spesa destinata a slot machine fisiche, e Roma è il comune d’Italia in cui si gioca di più. Confrontati con i numeri degli anni precedenti, non vi è dubbio che il settore del gioco è forse uno dei pochi che la crisi non la conosce affatto.

Il Comune di Viterbo non si distacca da questa tendenza, ed i dati riferiti al gioco nelle macchinette videolottery e AWP, installate nei bar e negli esercizi pubblici hanno registrato una spesa pro-capite annuale di 1.195€, che rappresenta un aumento del 5,2% rispetto all’anno precedente. Per quanto riguarda invece il gioco online, i dati sono più complessi da estrarre visto che non è possibile stabilire con esattezza l’appartenenza territoriale dei giocatori.

Seppure difficoltà economiche e boom del gioco d’azzardo sembrano due fenomeni assolutamente incompatibili, la psicologia ci insegna che non è così. La crisi che attanaglia il paese spinge a sognare un cambio di vita radicale; tentare la fortuna scommettendo nei casinò online oppure acquistando un biglietto della lotteria appaiono a molti una possibile strada per raggiungere questo obiettivo.

A parte questa dimensione psicologica ed emotiva, il successo del gioco d’azzardo è sostenuto dal fatto di essere facilmente accessibile e di non richiedere alcuna particolare competenza. Chiunque può infatti premere il tasto di una slot machine, sia esso fisico o virtuale, oppure scegliere i numeri del lotto e sperare che la fortuna giri per il verso giusto.

Pur offrendo una forma di intrattenimento legale, il gioco d’azzardo di cui stiamo trattando può anche essere fonte di difficoltà per coloro che faticano a mantenere il controllo sul proprio volume di gioco. La Regione Lazio sta quindi cercando di porre in essere misure che limitino, regolino o rendano più sicuro l’accesso alle macchinette slot, allo scopo di proteggere gli utenti più deboli. Misure simili invece già esistono nei siti di gioco a distanza che ad esempio bloccano automaticamente l’accesso ai minori di età o offrono la possibilità di fissare limiti di deposito.

Probabilmente la vera contromisura al diffondersi del gioco potrebbe essere la ripresa economica, che comincia ad intravedersi all’orizzonte ma stenta ancora a decollare. In particolare, in provincia di Viterbo, il turismo sembra aver esercitato una spinta positiva nel 2017 ma siamo ancora lontani da un motore che funzioni a pieni giri.

 






Facebook Twitter Rss