ANNO 10 n° 47
Festa di Sant'Antonio: le iniziative a Canino, Tessennano, Farnese e Cellere
17/01/2020 - 07:05

Giornata di festa per molti comuni della Tuscia che celebrano oggi 17 gennaio Sant’Antonio Abate. Appuntamento quindi con i sacri fuochi allestiti in molte piazze della provincia, che questa mattina si accenderanno dando il via alle celebrazioni.

A Canino sarà il vescovo, Monsignor Lino Fumagalli, a dare inizio ai festeggiamenti con la messa delle 17 nella chiesa di Santa Maria della Neve, a cui seguirà la benedizione del fuoco e degli animali domestici portati dalle famiglie nel cortile dell’oratorio.

Tessennano invece vedrà accendersi il grande falò in piazza verso le 9, mentre intorno alle 11.30 inizierà la Santa messa e seguirà la benedizione degli amici a quattro zampe. La cittadinanza si riunirà poi nuovamente in serata, verso le 19, per dare inizio alla cena a base di salsicce e pancetta alla griglia e fagioli con lo stinco, con un sottofondo di canti e musica popolare.

Domenica 19 gennaio in località Roggi, nel comune di Canino, riprenderanno i festeggiamenti in onore di Sant’Antonio Abate. La benedizione sarà dispensata agli animali domestici, da cortile e da allevamento. I partecipanti avranno poi l’occasione di degustare prodotti tipici artigianali di eccellenza e il delizioso panino con la ricotta fresca.

A Farnese, dopo l’accensione della catasta alta circa otto metri in località Bottino, alle 10 appuntamento con la Santa messa nella chiesa del SS Salvatore, a cui seguirà la consueta benedizione degli animali da parte del parroco. La mattinata sarà poi dedicata ai bambini coinvolti negli antichi giochi popolari e nella goliardica gara della ''Pastasciutta al muretto''.

Il Comitato fuoco di Sant’Antonio, in collaborazione con il comune di Farnese, ha poi organizzato un pranzo a base di polenta e cinghiale a bujone, piatto tipico della tradizione Maremmana, per la cittadinanza proprio al cospetto del grande falò.

A Cellere il sacro fuoco ha illuminato per tutta la notte la Rocca Farnese e piazza Castelfidardo. Acceso ieri sera ha riscaldato i cittadini che per molte ore hanno vegliato. Stamattina invece sarà celebrato il rito religioso al termine del quale sarà possibile degustare ricotta e dolcetti in piazza.







Facebook Twitter Rss