ANNO 8 n° 320
Ferragosto, un bilancio
in chiaro scuro
I turisti non tradiscono: strutture piene ma tanti gli esercizi pubblici chiusi
16/08/2018 - 07:00

VITERBO - Il meteo incerto di questo Ferragosto non ha spaventato i tanti turisti che hanno scelto di passare questa festività tra le bellezze della Tuscia. Le terme, gli hotel, i bed and breakfast e gli appartamenti anche quest'anno hanno registrato dati incoraggianti su tutto il territorio.

Come spesso avviene in questi casi, a fare da indice del successo delle strutture ricettive ci ha pensato il sito Booking.com. Il noto portale online ha indicato già da diversi giorni che le prenotazioni su Viterbo per il 14 e il 15 agosto erano in deciso aumento, mostrando come già riservate l'82% delle strutture presenti. Numeri decisamente importanti e che bissano quelli già raggiunti lo scorso anno.

A certificare queste indicazioni positive c'è anche la testimonianza delle strutture termali, veri e propri punti di forza dell'offerta turistica della città dei papi. ''Noi siamo al completo già da qualche giorno - riferiscono dall'Hotel Salus Terme -. Per fortuna il maltempo non ha spaventato le persone che hanno scelto di passare la giornata di Ferragosto da noi''. Una situazione simile anche all'Hotel Niccolo' V presso le Terme dei Papi. ''Sono rimaste solo poche disponibilità - confermano dalla struttura -. Credo che le previsioni non abbiano inciso, se non in minima parte per quanto riguarda gli ultimi giorni''.

Il neo: gli esercizi pubblici con le serrande abbassate. In tanti quest'anno hanno chiuso nel periodo di ferragosto. L'assessore Mancini ha dichiarato di voler lavorare per la prossima estate ad una mappatura delle attività commerciali, dei servizi sanitari e di tutte quelle attività necessarie a garantire servizi essenziali a cittadini e turisti, durante la settimana di Ferragosto.

''In questo lungo ponte di ferragosto, facendo affidamento anche al last minute, si è arrivati, sia nell’alberghiero che nell’extralberghiero, al tanto atteso pienone'' ha affermato anche Vincenzo Peparello di Confesercenti. Pur non trovando il sole dunque, i turisti hanno scelto comunque di visitare i luoghi più famosi della Tuscia. Il tutto in attesa del 3 settembre, quando - a prescindere dal meteo - tutta la provincia tornerà a mettersi in mostra.

CLICCA QUI PER SFOGLIARE LA FOTOGALLERY






Facebook Twitter Rss