ANNO 8 n° 265
''Farnesia'', costituito
il comitato d'onore
Sette sindaci della Tuscia promotori insieme all'Associazione Farnese
07/07/2018 - 14:37

GRADOLI - E' stato costituito, nel corso di una pubblica manifestazione nel Palazzo Farnese di Gradoli, il Comitato d'Onore della manifestazione Farnesia, contenitore culturale di eventi farnesiani, tra i quali il Premio Letterario Nazionale 'In terra nostra scripta apparuerunt – La farnia d'oro', giunto alla quarta edizione.

La manifestazione, alla quale hanno attivamente partecipato i sindaci di Farnese, Marta, Canino, Gradoli, Valentano, Tessennano, e l'assessore alla Cultura di Gradoli è stata aperta dal Sindaco di Gradoli, convinto sostenitore delle potenzialità della Tuscia, che resta a tutt'oggi una parte del territorio italiano sconosciuta ai più.

Per questo è stato accettato con entusiasmo l'invito dell'associazione a costituire una rete di soggetti interessati ad orizzonti culturali comuni, desiderosi di lavorare insieme alla costruzione di iniziative condivise, per far conoscere le peculiarità culturali, storiche, artistiche, nonché turistiche ed enogastronomiche, della Tuscia. Da più parti è stata ribadita l'esortazione a superare limitanti campanilismi, ad unire, invece, le forze ed allargare gli orizzonti, per ottenere risultati tangibili.

Dopo l'appassionata introduzione del prof. Attilio Mancini, la presidente dell'Associazione Farnese e Tuscia Viterbese, Tiziana Mancini, ha messo in rilievo l'importanza dell'eredità ulturale lasciata al nostro territorio dalla Famiglia Farnese, che costituisce un trait d'union tra i vari comuni costituenti il Ducato di Castro e quelli limitrofi.

Giacomo Carioti, presidente della giuria, nel suo messaggio ha auspicato che la costituzione del Comitato d'Onore sia il preludio alla imminente formazione di una Commissione generale operativa - della quale, insieme ai Sindaci, facciano parte gli Assessori alla Cultura e alla Comunicazione - che cominci a muovere i primi passi verso i progetti concreti che, presumibilmente, potranno essere varati a partire dal prossimo anno.

La grande comune attenzione per questo progetto culturale è stata fortemente sottolineata anche dal sindaco di Canino, Lina Novelli. Il concorde interesse di tutti i sindaci presenti, e le adesioni già confermate da altri comuni, fa ben sperare che le energie congiunte di tante persone di buona volontà non potranno che portare a proficui risultati.






Facebook Twitter Rss