ANNO 4 n° 295
Elicottero precipitato, due inchieste
Già dimesso il pilota di Vitorchiano
Una è stata aperta dalla procura della Repubblica di Sondrio, l'altra dall'Enac
23/07/2012 - 01:42

VITERBO – Due inchieste, una della procura della Repubblica di Sondrio e l’altra dell’Ente nazionale aviazione civile (Enac), sono state aperte sull'incidente aereo avvenuto nel tardo pomeriggio di sabato a Morbegno, in Valtellina, dove è precipitato un elicottero EC145, della società Inaer Aviation Italia, con sede a Milano, in servizio per il 118 di Bergamo, nel quale sono rimasti feriti il pilota Augusto Stazzonelli, 57 anni, di Vitorchiano, e l'assistente di volo, Stefano Turetta, 50 anni, di Sumirago (Varese).

Il primo ha riportato ferite giudicate guaribili in 30 giorni, il secondo lievi contusioni guaribili in 5 giorni. Entrambi sono stati già dimesso dall’ospedale.

Le condizioni di Stazzonelli , che in un primo momento sembravano gravi, sono andate migliorando con il passare delle ore. E anche le lesioni riportate dal pilota si sono rivelate meno serie di quanto apparivano.

Secondo quanto si è appreso già questa mattina, i tecnici dell'Enac, provenienti da Roma, dovrebbero compiere un sopralluogo sul posto dell'incidente per i primi rilievi. In loro primo obiettivo è accertare se i cavi dell’alta tensione urtati dall’elicottero pilotato a Stazonelli in fase di decollo avrebbero dovuto essere segnalati.

Intanto, il pubblico ministero Stefano Latorre ha disposto il sequestro del velivolo. I rottami, nei prossimi giorni, saranno esaminati dalla scientifica di carabinieri.

Stazzonelli e il tecnico di volo si sono salvati per una circostanza fortuita: l’elicottero, dopo il violento impatto al suolo, non ha preso fuoco perché era a corto di carburante. Si erano infatti appena alzati in volo per raggiungere per raggiungere la loro base in provincia di Lecco e fare rifornimento. Sarebbero dovuti tornare poco dopo per riprendere a bordo l'equipe medica e un giovane motociclista rimasto ferito in un incidente stradale.

L'elicottero, del valore di circa 6 milioni di euro, è completamente distrutto.

 






Facebook Twitter Rss