ANNO 8 n° 322
Ecosistema urbano, Viterbo al 60esimo posto
La città dei papi, pur senza brillare, primeggia nel Lazio
02/11/2018 - 01:51

VITERBO - E' stato presentato in questi giorni il 25esimo rapporto sull'Ecosistema urbano realizzato da Legambiente e Ambiente Italia sui dati elaborati nel 2017. Lo studio, che guarda alle politiche di sostenibilità ambientale messe in campo da ogni provincia d'Italia, è basato su alcuni indicatori che valutano insieme elementi come la qualità dell’aria, la salubrità delle acque, la gestione di rifiuti, l'uso dei mezzi pubblici, la ciclabilità a discapito del mezzo privato e la diffusione delle energie rinnovabili.

Per quanto riguarda Viterbo, pur senza eccellere, dal 2014 ad oggi la situazione è migliorata di anno in anno. Il capoluogo della Tuscia ricopre attualmente la 60esima posizione, facendo un bel balzo avanti rispetto alla 102esima dell'ultima edizione (provvedimento inflitto a causa della mancata presentazione di alcuni dati). Un piazzamento questo che consente alla città dei papi di considerarsi la città più verde del Lazio, superando di poco Rieti (61esima), Roma (87esima), Latina (95esima) ed infine Frosinone (101esima).

Tra i punti di forza c'è ancora una volta la qualità dell'aria: i livelli di ozono e di polveri sottili registrati sono tra i più bassi d'Italia, facendo di Viterbo una tra le più virtuose d'Italia. Bene anche il dato sui rifiuti prodotti: in questo parametro la città è appena fuori dal podio, fermandosi al quarto posto.

Ma purtroppo, diversi sono anche i dati negativi: 89 esimo posto per la qualità della depurazione dell'acqua, 90esimo per la presenza di piste ciclabili, 99esimo per numero di auto e addirittura 100esimo per la gestione efficiente del suolo. A penalizzare la classifica c'è anche quest'anno la mancata dichiarazione di alcuni dati: mancano all'appello i numeri sui consumi idrici, le perdite d'acqua nella rete, la presenza di alberi e il numero di isole pedonali. Mancando una comunicazione ufficiale, in questi parametri Viterbo è stata inserita al 104esimo posto in Italia






Facebook Twitter Rss