ANNO 7 n° 264
Dove sono gli ideatori dei Cantieri Via Saffi
Andrea Passeri spunta come co-autore di un libro del rapper Briga
17/07/2017 - 07:05

VITERBO – Mentre la desolazione di via Saffi, con i suoi negozi vuoti e i numerosi avvisi di vendita affissi sulle vetrine, è sotto gli occhi di tutti oramai da mesi, rimane un mistero sapere che fine abbiano fatto i titolari di Fuori Provincia, la società che ha dato vita, per un brevissimo tempo, al progetto Via Saffi Cantieri. Un’ambiziosa idea commerciale che avrebbe dovuto far ''risorgere'' la storica strada al centro di Viterbo, ma che invece si è rivelata l’ennesima delusione per tutti i viterbesi che nel progetto avevano creduto.

Per capire le ragioni della chiusura e le cause dell’insuccesso di Via Saffi Cantieri, Viterbonews24 ha provato a contattare telefonicamente e numerose volte i fratelli Dino e Andrea Passeri, titolari di Fuori Provincia, senza ricevere mai alcuna risposta. Sembrava non esserci più alcuna traccia dei due fino a quando, alcune settimane fa, è stato pubblicato ''Novocaina'', un libro firmato a quattro mani dal cantante Mattia Briga e dal suo amico Andrea Passeri.

Ecco allora che si scopre come uno dei due fratelli di Fuori Provincia, stia impegnando il suo tempo in questa calda estate italiana. Insieme al rapper, uscito qualche anno fa dal programma Amici, è in giro per il Bel Paese a promuovere il libro che porta anche la sua firma.

Quindi mentre via Saffi è tornata ad essere deserta, chi aveva acceso la speranza di una sua rinascita, sia a livello culturale sia commerciale, è invece affaccendato in tutt’altro. E nel frattempo rimangono ancora i grandi interrogativi, ai quali nessuno è disposto a rispondere, su come sia possibile che il progetto Via Saffi Cantieri, iniziato in pompa magna con l’apertura di diversi negozi di abbigliamento e il locale bar-ristorante-negozio-palco per musica live ''I Banchi'', si sia concluso nel giro di nemmeno un anno.

All’improvviso e nel silenzio, senza avvisare neppure l’amministrazione comunale, i negozi della centralissima strada di Viterbo si sono svuotati e ancor prima che qualcuno se ne potesse accorgere i fratelli Passeri si sono dileguati, scomparsi insieme alla loro società e ai vani sogni di gloria.

Facebook Twitter Rss