ANNO 8 n° 226
E' mistero sulla morte di Amalia Voican
''Chi l'ha visto?'' ha provato a ricostruire la storia della 21enne di origini romene
14/06/2018 - 07:06

CIVITA CASTELLANA - Si tinge di giallo l'agghiacciante vicenda della morte di Amalia Voican, la giovane di origini romene scomparsa da Civita Castellana circa due mesi fa.

Nella puntata di ieri sera, ''Chi l'ha visto?'' è tornato ad occuparsi del caso dopo che, a distanza di circa un mese, due amiche di Amalia si erano rivolte al programma condotto da Federica Sciarelli per riuscire ad avere notizie sulla scomparsa.

Grazie alle tante ricerche svolte, la redazione entra in contatto con un certo Mattias, un giovane dall'accento ispanico che afferma di conoscere Amalia. Secondo il racconto del ragazzo, Nena - il soprannome usato dalla 21enne - si troverebbe ad Amburgo e starebbe lavorando in un night club come prostituta.

Il 4 giugno il programma di Rai 3 manda in onda un appello a cui risponde lo stesso Mattias con un messaggio allucinante. ''Avete due settimane di tempo per rimediare 10.000 euro, altrimenti Amalia è finita'' afferma minaccioso il ragazzo al telefono. Ma purtroppo non è tutto: a distanza di alcuni giorni giunge alla redazione un nuovo messaggio registrato con una voce modificata ma riconducibile ad un uomo. Chiaramente è ancora Mattias che, spacciandosi per Amalia, chiede aiuto e insiste perché venga pagato il ''riscatto''.

E' una vicenda tristissima questa, soprattutto perché intanto Amalia era già morta da tempo. La ragazza è stata ritrovata a Roma, in una casa abbandonata in via Tella, nella centralissima zona di San Giovanni. ''Abbiamo trovato il corpo per via del fortissimo odore che arrivava'', ''Era coperta come un animale'', ''Il viso non c’era più. La cosa brutta è che questi che dormivano lì, le avevano messo sopra una coperta e tutti gli animali intorno che si mangiavano questa ragazza, la notte riuscivano a dormire''. Sono queste le terribili parole pronunciate dagli operai di una officina meccanica che lavorano nei pressi di quella casa.

Giunti a questo punto è impossibile sapere se Mattias abbia realmente conosciuto Amalia, ma è il racconto di uno quei meccanici a gettare più di un'ombra su chi possa aver condotto Nena in quella che è stata la sua ultima dimora. ''C'è qualcuno alla stazione Termini che ferma ragazzi e ragazze straniere e dice che qui c'è un ostello''.

Facebook Twitter Rss