ANNO 9 n° 140
Dio salvi l'assessora
È guerra tra Lega e Fratelli D'Italia: il posto in giunta di Claudia Nunzi è a rischio
22/02/2019 - 03:07

VITERBO - (a.v.) Il posto in giunta di Claudia Nunzi è appeso a un filo. Il sindaco Arena ha iniziato ieri il giro di consultazioni con i rappresentanti delle forze di coalizione per cercare una soluzione di compromesso dopo il discusso passaggio dell'assessore e del consigliere Scardozzi dalla Lega a Fratelli D'Italia.

Il Carroccio, per bocca del senatore Fusco, ha chiesto al primo cittadino l'esclusione della 29enne dall'esecutivo in virtù dell'accordo non scritto che regola gli equilibri della maggioranza: un posto ogni due consiglieri eletti in sala d'Ercole. La Lega, infatti, con 7 scranni (Evangelista, Caporossi, Micci, Cepparotti, Perlorca, Salcini e Merli) supera nei numeri il partito della Meloni fermo a 5 (Grancini, Bianchini, Galati, Buzzi e Scardozzi) e reclama dunque un'ulteriore posizione nel governo cittadino.

I ''meloniani'' dal canto loro, vendicata l'onta per il cambio di casacca di Ubertini, Micci e Cepparotti, difendono a spada tratta la Nunzi e non intedono cedere di un millimetro alle pretese leghiste. Concetto che è stato ampiamente ribadito ieri pomeriggio durante l'incontro pubblico per il centro storico organizzato da Fdi: ''Noi abbiamo tre assessori''. Il partito, pertanto, ha richiesto al sindaco di lasciare immutato l'attuale assetto della giunta, almeno fino all'approvazione del bilancio.

Sta adesso a Giovanni Arena, mediatore per eccellenza, il compito di trovare la giusta sintesi tra le parti per ristabilire la pace nella maggioranza. Una missione tutt'altro che semplice: a tre mesi dalle elezioni europee, scontentare troppo una delle due forze ''sovraniste'' potrebbe far suonare con largo anticipo il de profundis per l'amministrazione. Un cataclisma politico che l'inquilino numero uno di Palazzo dei Priori intende scongiurare a tutti i costi.





Facebook Twitter Rss