ANNO 8 n° 350
Denuncia 4 finanzieri per furto di documenti, alla sbarra per calunnia
Nei guai l’imprenditore 63enne Piero Ferri, titolare della Polonord costruzioni
09/11/2018 - 02:18

VITERBO – Finisce nei guai Piero Ferri, l’imprenditore 63enne titolare della ditta edile Polonord Costruzioni, impegnato negli anni nella realizzazione, poi incompiuta, del cosiddetto ‘’Colosseo’’ del Riello, che avrebbe dovuto ospitare un centro direzionale dietro al tribunale di Viterbo.

Secondo l’uomo, nel dicembre del 2014, quattro finanzieri sarebbero entrati all’interno della sua azienda e avrebbero prelevato, senza alcuna autorizzazione, dei documenti e del materiale informatico da cui sarebbero derivati controlli e accertamenti fiscali dalle conseguenze pesantissime anche per la stessa Polonord. Certo che dietro quell’azione si nascondessero una perquisizione illegale e un furto vero e proprio, Ferri denunciò i quattro uomini della Guardia di Finanza, finendo però, dopo mesi, alla sbarra per calunnia. Una controdenuncia, che da presunta vittima lo ha trasformato in imputato.

E ieri, davanti al giudice Giacomo Autizi, si è aperto il processo penale a suo carico. Parti civili i finanzieri, che a loro volta denunciarono l’imprenditore per quelle accuse infamanti a loro rivolte. Rappresentati in aula dall’avvocato Roberto Massatani sono pronti a chiedere giustizia. Si tornerà in aula a marzo dell’anno prossimo per ascoltare i primi testimoni della Procura.







Facebook Twitter Rss