ANNO 7 n° 294
Come fare foto professionali con la fotocamera digitale
29/09/2017 - 11:06

In molti pensano che per fare delle foto belle sia necessario avere delle macchine fotografiche professionali di quelle grandi da fotografo, con grandi obiettivi e particolari caratteristiche tecniche. Anche se è ovvio che queste macchine fotografiche facciano foto eccellenti, è bene sapere che è possibile farne anche con una fotocamera digitale compatta e standard.

La tecnica a volte può essere più importante dell’attrezzatura. Con un po’ di pratica, qualche accorgimento ed evitando gli errori più comuni, potrete fare foto splendide anche con una fotocamera “normale”. É ovvio che poi, migliore è la fotocamera, più facile è eseguire un servizio fotografico di qualità. Per scoprire quali sono oggi le migliori fotocamere in commercio e le loro caratteristiche, date un’occhiata a questo articolo: ( https://blog.yeppon.it/migliori-fotocamere-digitali/ ).

Familiarizzare con il dispositivo

Prima di mettere in pratica le tecniche per fare una buona fotografia, è necessario conoscere la propria fotocamera. La cosa migliore è sfogliare il manuale della stessa per capire che cosa può fare e se ha delle particolarità. Ogni pulsante deve essere identificato. I vari menù dovrebbero essere sfogliati ed esplorati, per avere una panoramica delle funzioni dell’apparecchio. Se non volete fare tutto questo, quanto meno dovete imparare ad usare lo zoom, il flash e il pulsante di scatto, impostando le opzioni automatiche. Se il manuale cartaceo non è esaustivo, in molti casi è possibile scaricarne gratuitamente uno più approfondito sul sito del produttore.

La prima cosa da fare è controllare che sulla fotocamera sia impostata la massima risoluzione, cosicché l’apparecchio sia già pronto per scattare fotografie di alta qualità. L’opzione più a bassa risoluzione a volte viene scelta per far stare più foto sulla scheda di memoria, ma in realtà sarebbe meglio non utilizzarla mai. Le foto di scarsa qualità possono creare problemi i seguito, per la modifica digitale o per la stampa. Se la scheda di memoria è troppo piccola, acquistane una con dimensioni maggiori.

Le prime foto possono essere fatte con le impostazioni automatiche, specialmente se non siete esperti professionisti. Il mondo della fotografia ha fatto passi da gigante e quindi si può dire che la messa a fuoco automatica dia comunque ottimi risultati in condizioni normali. Di notte o con luci particolari, il discorso può cambiare.

L’A B C per una buona fotografia con le fotocamere digitali

Per scattare una foto di qualità bisogna essere comodi e pronti a scattare. Un consiglio banale, ma molto utile è quello di tenere libero l’obiettivo da tappi, cinghie oppure da altri ostacoli. Anche se non sembra molte volte basta poco per rovinare una foto. Un’opzione fondamentale per far venire bene le foto è il bilanciamento del bianco. In sostanza la macchina digitale compensa la variazione di illuminazione variando i toni dei colori. Se non c’è la luce artificiale, di norma, è meglio impostare il filtro “ombra” o “nuvoloso”, che crea colori caldi. La velocità ISO dovrebbe essere bassa se il soggetto è fermo, mentre bisogna alzarla se il soggetto è in movimento.

Prima di inquadrare la foto immaginatela, in modo da inquadrare bene e con cura. Idealmente bisognerebbe immaginare la foto divisa in terzi, quindi individuando massimo tre punti d’interesse. Meglio non far tagliare la foto a metà da linee, come l’orizzonte o simili. Quando si fa una foto è bene fare attenzione ad evitare soggetti che possono distrarre dal soggetto principale.

Attenzione a non far spuntare alberi o lampioni dalle teste, meglio spostarsi di un po’. Non bisogna avere paura a riempire la foto con il soggetto: avvicinatevi, cambiate le angolazioni, anche dall’alto e dal basso. Le angolazioni insolite rendono le foto interessanti. Quando fate la foto dovete essere immobili, in alternativa appoggiatevi a qualcosa di fisso.







Facebook Twitter Rss