ANNO 7 n° 20
Class Club-the90s Christmas Movie Edition
21/12/2016 - 02:02
di Annalisa Fortunati

VITERBO - Venerdi 23 Novembre al Class Club di Viterbo tornano alla ribalta gli straordinari anni 90 che verranno riproposti attraverso un'esilarante CHRISTMAS MOVIE EDITION. Come da tradizione, quando si entra nel vortice delle feste, se non bastassero le luminarie e la città addobbata a ricordarci che il Natale è arrivato, ci pensa la televisione che trasmette solo film a tema natalizio che negli anni sono diventati veri e propri cult.

È innegabile, senza voler scomodare le più complesse e sicuramente valide teorie sociali sulla massificazione e mercificazione delle feste , usando un'equazione matematica potremmo dire che il fenomeno dei Christmas Movie sta al Natale come l'uvetta sta al panettone. E considerando che, i migliori della categoria sono stati concepiti proprio negli anni 90 il Class Club ha organizzato un ripassone generale per tutti i fedelissimi della casa del venerdi notte.

Da 26 anni, il Natale non è Natale se non passa in tv la replica di Mamma ho perso l’aereo, film scritto da John Hughes e diretto da Chris Columbus, uscito in America il 16 novembre 1990. Il biondo e pestifero Kevin McCallister che difende la sua casa dai ladri Harry e Marv ,è ormai un’icona del periodo natalizio. Il film è stato il più grande incasso del 1990, rimanendo primo al box office per 12 settimane di fila e in top 10 fino al giugno dell’anno seguente. Si è inoltre guadagnato il Guinness World Record come commedia live action con il più grande incasso di sempre negli Stati Uniti.

'Home Alone' ha ottenuto anche un clamoroso successo nelle sale italiane nella stagione 1990-1991, incassando 476 milioni di dollari. Alla sua prima visione TV su Canale 5 ,l'11 ottobre 1993, ha registrato 13.622.000 telespettatori, in assoluto l'ascolto fino ad allora più alto per un film trasmesso dalle reti Mediaset (allora Fininvest).

Non va dimenticato che l’Italia è la patria dei famosi CINEPANETTONI. Neologismo squisitamente italico, i cinepanettoni sono nati nel 1983 con l’iconico Vacanze di Natale dei fratelli Vanzina. Grossolani, spesso scurrili e ripetitivi, ci hanno accompagnato per circa trent’anni con la coppia Massimo Boldi e Christian De Sica. Un modo per riconoscerli? La parola Natale o vacanze nel titolo, la località esotica e uscita nelle sale durante il periodo natalizio.

Nonostante la critica li abbia sempre bocciati, hanno avuto un successo inspiegabile al botteghino e a ogni loro passaggio in televisione. Basati sul conflitto di classe e sull’ipocrisia della società, ma soprattutto la capacità di raccontare con leggerezza e sincerità i vizi e i costumi di un’Italia ancora ricca e rigogliosa. Una combinazione vincente mai più ripetuta con tale efficacia, ma che fornì la base per la successiva ondata dei primi anni ’90, con film che non a caso riprendevano il titolo Vacanze di Natale aggiungendo solo l’annata (’90, ’91, ’95 e più tardi 2000). I cinepanettoni si susseguono negli anni senza nessuna pretesa artistica e privi anche della volontà di innovare, riciclando in maniera quasi imbarazzante gag e situazioni già viste e riviste, ma il pubblico li premia.

Forse la ragione del successo del cinepanettone risiede proprio in questa capacità di raccontare in chiave talvolta demenziale vizi, difetti e desideri inconfessabili degli italiani. E se lo specchio dell’anima profonda del Paese si trovasse proprio nel cinema nazional popolare? Vi lasciamo con questo spunto di riflessione ricordandovi che per gli amanti degli anni 90 l'appuntamento immancabile è quello di venerdi 23 dicembre con ' NATALE AL CLASS CLUB 2016'.

www.facebook.com/ClassClub-Viterbo-456305704420984/








Facebook Twitter Rss