ANNO 9 n° 170
Civita e Tarquinia, sindaci al lavoro
sulla squadra di governo
Giulivi avrà vice Serafini, Caprioli concentrato sulle prossime scadenze
11/06/2019 - 06:51

di Monica Di Lecce

Si riuniranno entro la fine del mese i nuovi consigli comunali di Civita Castellana e Tarquinia. La convocazione avverrà entro 10 giorni dalla proclamazione degli eletti. Quella di Giulivi sindaco di Tarquinia avverrà oggi, domani quella di Franco Caprioli a Civita Castellana. Le due assemblee comunali si riuniranno entro i 10 giorni successivi alle convocazioni. Nel frattempo i due sindaci dopo la sbornia elettorale sono già al lavoro. Tra i primi adempimenti c’è la scelta dell’esecutivo sul quale nessuno dei due per il momento si sbilancia. 

''La squadra di governo in mente c’è ma la dobbiamo ancora definire'', dice Franco Caprioli. A Tarquinia c’è un’unica certezza al momento: vicesindaco sarà Luigi Serafini, già assessore nella passata amministrazione Giulivi, dove ha curato le deleghe all’agricoltura, industria, sviluppo economico, attività produttive e ambiente. L’annuncio era venuto già nei giorni scorsi. Con l’ingresso di Serafini in giunta, si libererà un posto in consiglio che dovrebbe essere occupato da Matteo Costa, il primo dei non eletti della lista ''Noi con Tarquinia''.

La nuova giunta a Civita Castellana avrà la strada degli impegni da affrontare già tracciata. ''Dovremo gestire in primis le situazioni lasciate in sospeso dalla precedente amministrazione – dice il sindaco Franco Caprioli – a cominciare dalla gestione della raccolta dei rifiuti solidi urbani. Si tratta di un problema che, proroga su proroga, si protrae da oltre due anni. Dovremo approvare il bilancio consuntivo che non è stato approvato e seguire le opere pubbliche che sono iniziate ma non terminate. La prima parte dell’amministrazione viaggerà su un sentiero quasi obbligato. Nel frattempo – continua Franco Caprioli – ci dovremmo organizzare per recuperare il massimo possibile dei crediti che l’amministrazione comunale vanta. Sotto il punto di vista della liquidità siamo un po’ allo stremo''.

L’ultimo pensiero di Caprioli, che è una dedica per la vittoria e un ringraziamento, va al ''gruppo di lavoro che abbiamo formato: siamo stati coesi e compatti con i fatti; ai miei familiari che mi hanno sostenuto fino alla fine e a coloro che hanno creduto in noi e a tutti i cittadini in generale''.

Facebook Twitter Rss