ANNO 9 n° 321
Civita di Bagnoregio raccontata da Realino
A palazzo Alemanni l'anteprima del cortometraggio nell'ambito di ''Civita in tutti i sensi''. Il protagonista è ispirato al poeta Realino Dominici
24/06/2019 - 19:00

Riceviamo e pubblichiamo dal PromoTuscia 

 

BAGNOREGIO - Civita di Bagnoregio raccontata da una guida speciale, Realino. Presentata stamani a palazzo Alemanni, l'anteprima del cortometraggio animato in 3d nell'ambito di “Civita in tutti i sensi”, progetto di sviluppo turistico pensato e gestito da PromoTuscia, vincitore del bando “Atelier Arte, Bellezza e Cultura” indetto dalla Regione Lazio.

Presenti l'assessora regionale Alessandra Troncarelli, il sindaco di Bagnoregio Luca Profili, Alessio Pagliara per PromoTuscia, Alberto Ferrigolo referente progetto Abc Regione Lazio e Yuri Perrini, regista del cortometraggio.

A portare alla scoperta di Civita e non solo, un simpatico vecchietto di nome Realino. Personaggio di fantasia ma molto vicino alla realtà. È stato pensato come un anziano del posto ed è ispirato al poeta dialettale Realino Dominici.

“Ho voluto che a parlare fosse qualcuno del luogo – dice Yuri Perrini, regista del filmato – per questo mi sono ispirato a Realino. Il cortometraggio racconta un territorio diverso rispetto a oggi, riscoprendo le radici. Non a caso tra i personaggi c'è anche un asino. Nella Valle del Calanchi, averne uno un tempo era importante. Ringrazio la Regione per l'attenzione che pone a questo tipo di produzioni. Il Lazio è il primo ente pubblico in Europa per investimenti in produzioni audiovisive”.

A rappresentare la regione, l'assessora a Politiche Sociali, Welfare ed Enti Locali Alessandra Troncarelli. “È interessante come sia stato utilizzato un personaggio con una storia, un passato – spiega Troncarelli – inserito in un contesto tecnologico, tridimensionale. Serve anche ad avvicinare i giovani, facendo capire loro che la storia non è così distante.

La sinergia tra regione ed enti locali è fondamentale per lo sviluppo dei territori. A Civita di Bagnoregio c'è un continuo flusso di turisti, frutto di un investimento non di poco conto da parte dell'amministrazione comunale e della regione. Anche le idee migliori hanno bisogno di risorse, senza non si fa nulla.

Mi fa piacere che nella realizzazione di questo filmato, il regista abbia deciso d'avvalersi d'eccellenze italiane, nonostante avesse collaboratori anche fuori dai nostri confini”.

Civita in Tutti i sensi, che fa parte del progetto della regione Atelier Arte Bellezza e Cultura, ha un obiettivo preciso. Lo ricorda il sindaco Luca Profili. “Puntiamo alla qualità dell'offerta turistica, cosa che cinque anni fa non era possibile, ma da un anno a questa parte ci siamo messi a studiare i flussi, affidandoci a esperti del settore. Guardiamo a un turismo più lento, esperienziale.

Il fenomeno Civita è nato insieme PromoTuscia. Erano con noi nel 2013, quando il primo cittadino Francesco Bigiotti decise di sperimentare il biglietto d'ingresso, che poi si è rivelato essere una vera svolta”.

Un miracolo, come lo definisce Alessio Pagliara di PromoTuscia: “Ne siamo stati testimoni come PromoTuscia, per avere gestito la biglietteria, ma ci siamo anche chiesti come potevamo implementare quanto stava accadendo, quale poteva essere il nostro contributo. Da questo è nato Civita in tutti i sensi, un prodotto turistico di qualità veicolato attraverso l'arte. C'è il cortometraggio, ma anche laboratori, seminari per proporre pacchetti turistici e portare qualcosa al territorio che parli al turista. Qualcosa di diverso dal classico mordi e fuggi.

Chi finora ha partecipato alle iniziative ne è rimasto entusiasta. Facciamo conoscere Civita, ma anche quello che c'è intorno. Magari altri luoghi meravigliosi della Tuscia Viterbese. Offriamo la possibilità di venire qui e fermarsi 4 o 5 giorni, per un workshop o altre iniziative”. Dopo l'anteprima, a breve il video sarà disponibile per la sua diffusione.






Facebook Twitter Rss