ANNO 7 n° 145
Cingalese nel capoluogo, ma con il permesso di soggiorno scaduto, rispedito in Sri Lanka
19/05/2017 - 12:48

VITERBO - Cingalese con permesso di soggiorno scaduto, rispedito in Sri Lanka.

Nell’ambito dell’intensificazione dell’attività di prevenzione e controllo del territorio sono stati disposti dal Questore di Viterbo specifici servizi di pattugliamento, in particolare nel centro cittadino e nel quartiere di San Faustino, finalizzati anche al contrasto del degrado urbano.

Durante i controlli gli uomini della polizia di Stato della squadra volante, nei pressi di un esercizio commerciale, hanno verificato l'identità di un cittadino nativo dello Sri Lanka.

Ricorrendone i presupposti, lo straniero è stato sottoposto ad approfonditi controlli, anche attraverso la consultazione delle banche dati disponibili, a seguito dei quali i poliziotti della squadra volante hanno appurato che il cingalese risultava essere in possesso di un permesso di soggiorno scaduto e di non aver ottemperato ad un decreto di espulsione già emesso nei sui confronti.

A questo punto la sezione espulsioni dell’ufficio immigrazione della Questura ha approfondito gli accertamenti identificando compiutamente l’uomo, così da poter procedere al suo definitivo allontanamento dall’Italia.

L’espulsione, su proposta del Questore di Viterbo, è stata disposta con provvedimento del Prefetto e, dopo la convalida del Giudice di Pace, il cingalese è stato direttamente accompagnato dal personale dell’ufficio immigrazione a Fiumicino ed imbarcato su un volo diretto nello Sri Lanka.

Proseguirà anche nei prossimi giorni l’attività di prevenzione della Questura di Viterbo, in modo sempre più incisivo e diffuso, che sarà finalizzata a garantire, per tutta la giornata e specie nelle ore serali e notturne, un continuo e capillare controllo del territorio nonché a verificare la posizione regolare o meno sul territorio di Viterbo degli individui che destano sospetti.


loading...





Facebook Twitter Rss