ANNO 9 n° 347
Cibo e legalità, UeCoop e carabinieri insieme per tutelare il made in Italy
14/11/2019 - 10:42

VITERBO - Riceviamo e pubblichiamo.

''È stata recentemente siglata da Gherardo Colombo (presidente UeCoop) e il colonnello Luigi Cortellessa (comandante dei Carabinieri per la tutela agroalimentare) l’intesa per una collaborazione tra UeCoop e Carabinieri per la Tutela dei Prodotti Agroalimentari che ha dato il via a una serie di incontri formativi su tutto il territorio nazionale. Mondo cooperativo e Forze dell’Ordine fanno fronte comune per la tutela del cibo e della salute dei cittadini, nella lotta alle contraffazioni che lo scorso anno hanno fatto registrare nell’agroalimentare un balzo del 59%, secondo i dati del Rapporto Agromafie 2018.

Per informare e sensibilizzare gli operatori delle cooperative al contrasto di corruzione, criminalità, contraffazioni e pratiche sleali di mercato mercoledì 13 novembre a Civitavecchia (Rm) si è svolto il terzo degli incontri territoriali a cui hanno partecipato le Cooperative di Lazio e Toscana associate a UeCoop che operano negli ambiti dell’agroalimentare, pesca, ristorazione e logistica per la ristorazione. Dall’iniziativa si attendono risultati concreti nei vari ambiti di azione di questo speciale comando dei Carabinieri, in particolare nel contrasto all’utilizzo del modello cooperativo per la contraffazione e la sofisticazione del cibo. Nel nostro paese i settori più colpiti da truffe e reati sono vino (+75% nelle notizie di reato), carne (+101% di frodi), conserve (+78%) e zucchero (da 0 a 36 episodi di frode in dodici mesi).

La legalità è il fulcro intorno al quale concentrare gli sforzi di sviluppo di un modo di fare impresa che proprio nella cooperazione ruota attorno ai concetti di solidarietà, sussidiarietà e sostenibilità. Per questo sarà possibile anche segnalare casi di “malacooperazione” nell’ambito agroalimentare. Le ricadute positive di tale processo virtuoso arriveranno fino ai consumatori, sia in termini di sicurezza alimentare che di difesa della qualità del cibo italiano, una fonte di ricchezza molto importante per l’intero sistema-paese.

All’incontro erano presenti il Presidente Nazionale di UeCoop Gherardo Colombo, la Presidente di UeCoop Lazio Sara Nardini, la Presidente di UeCoop Toscana Michela Nieri, insieme al Comandante del Nucleo dei Carabinieri per la Tutela dei Prodotti Agroalimentari di Roma Riccardo Raggiotti. I prossimi incontri avranno luogo in altre città italiane sempre con la medesima modalità''.

UeCoop






Facebook Twitter Rss