ANNO 8 n° 202
Chiude i battenti il 17esimo Milan Camp
Bambini provenienti da tutta Italia salutano, quest'anno, il Balletti di San Martino
17/06/2018 - 07:22

VITERBO - ''E' un evento in grande crescita. Anche quest'anno ci sono 65 bambini che partecipano attivamente all'accademy dividendosi in gruppi omogenei studiati per età'': questa la spiegazione di Daniele Goletti che, insieme a Ronaldo Ferrari e Luciano SIddi, ha organizzato la 17esima edizione del campo estivo targato Milan ormai stabilitosi al Balletti Park Hotel di San Martino al Cimino che fornisce strutture di alto livello. ''Ci sono i campi in sabbia, in erba, il gonfiabile e la piscina - continua Goletti - e i gruppi si alternano nelle attività a partire dalle nove di mattina. Poi si fermano per pranzo e si riposano nella sala giochi fino a riprendere le attività pomeridiane che includono anche la piscina per i più piccoli''.

Si parte dai piccoli 2011 per arrivare ai 2005, tra i quali oltre una decina provenienti da fuori regione e quindi residenziali: pernottano tutta la settimana nella struttura. Un'avventura che ha chiuso ieri i battenti tra premiazioni e sfide sul campo. Tutti uniti dalla divisa rossonera che viene consegnata all'inizio dell'esperienza dai cinque istruttori abilitati Milan: Antonio Carucci (anche coordinatore tecnico), Giorgio Piendibene, Matteo Masini, Roberto Macaluso, Mauro Valentini. Con loro anche l'assistenza di Franco Fiengo, Oliviero Sanapo, Angelo Romano, Attilio Rinaldi, Gabriele Balestri, Manuel Socciarelli. Anche quest'anno, tra i ragazzi del gruppo, c'è stato l'inserimento di bambini rientranti nel progetto Aita. Ad accompagnarli, la coordinatrice nazionale e psicologa Laura Maria Fatta: ''Questo a San Martino è l'unico camp residenziale per i noi. I nostri ragazzi sono affetti da disturbi autistici e con questa esperienza hanno la possibilità di praticare sport e imparare nuove metodologie di integrazione. Spesso, nelle varie organizzazioni, per loro viene studiata un'attività differenziata, invece qui vivono costantemente all'interno del loro gruppo, ma sono affiancati da un tutor che non viene percepito come tale, infatti portiamo la stessa divisa degli altri istruttori''.

Sono quattro i professionisti che accompagnano questi cinque bambini. Oltre Laura anche Giulia Giovagnoli, Alessandra Bottino e Veronica Sanges si occupano di loro con la supervisione del presidente della onlus Luigi Mazzone. Un summer camp presente in tutta Italia che da 17 edizioni torna anche nel viterbese grazie alle strutture offerte e continua ad ospitare ragazzi da tutta Italia che, tramite il passaparola, continuano ad allargare la lista di iscritti.






Facebook Twitter Rss