ANNO 7 n° 325
Ceramica, la sfida ora è nell'export
Paolo Aleandri dopo l'incontro con Renzi: ''C'è un notevole margine di crescita''
18/10/2017 - 07:12

CASTEL SANT’ELIA – (m.d.l.) “Non sono venuto per parlare ma per ascoltare e prendere appunti”. E di appunti ieri Renzi in visita alla Ceramica Azzurra di Castel Sant’Elia, dove ha incontrato gli imprenditori del distretto industriale della ceramica di Civita Castellana, ne ha presi diversi.

Nell’incontro con la dirigenza dell’Azzurra e la visita nello stabilimento ha fatto molte domande sul distretto e sulla realtà locale. “Ha chiesto come si sono mosse le aziende, come è nato il distretto – rivela Paolo Aleandri presidente associazione distretto industriale – il segretario del Pd ha toccato con mano che qui c’è l’Italia che produce, una realtà che si è fatta da sola e che continua a farsi da sola”.

E che il distretto civitonico sia un po’ un caso ‘’da studiare’’ lo ha percepito anche Matteo Renzi che non ha nascosto la sua curiosità. Sarà per il carattere caparbio dei civitonici, sarà perché la ceramica del distretto è di altissima qualità e “dall’800 – precisa Paolo Aleandri – è conosciuta nel mondo”, sta di fatto che nonostante la crisi, legata in particolare a quella dell’edilizia, abbia fatto sentire la morsa anche qui, il settore ha registrato investimenti in tecnologia e innovazione mai visti e oggi il 70% della produzione ceramica di qualità in Italia proviene da Civita Castellana mentre il 40 % della produzione viene esportata all’estero.

E proprio sull'export che ora si concentra la sfida.

‘’Secondo Renzi – spiega ancora Aleandri – il distretto ha un margine di crescita nell’export pazzesco grazie all’altissima qualità dei nostri prodotti e al nostro know how. La visita di ieri è stata l’occasione per un confronto positivo e franco con gli imprenditori locali. Il segretario del Pd – conclude Paolo Aleandri – ha lanciato un messaggio di speranza per lo sviluppo della realtà produttiva locale’’.







Facebook Twitter Rss