ANNO 9 n° 259
Camilli: ''Prenderemo provvedimenti''
27/10/2013 - 17:54

VITERBO – (d.s.) Il volto è scuro, la voce è bassa, ma i messaggi son diretti. Vorrebbe dire tanto e forse troppo. E a volte si trattiene. Vincenzo Camilli è affranto dopo il pareggio contro il Fregene. Un risultato che mai avrebbe immaginato. Quella scossa che si attendeva non è arrivata, anzi. Il Fregene con poco ha raccolto tanto, lasciando le briciole ai gialloblu. La Viterbese perde la vetta, il Rieti approfitta del rallentamento brusco (persi quattro punti in due gare) e ora guarda tutti dall’alto.

Di certo non si aspettava una simile involuzione soprattutto dal lato dei risultati. Sul banco degli imputati il presidente mette la squadra Camilli jr va subito al nodo della questione e promette l’uso della mannaia: ''Ci sono dei giocatori che non si meritano di giocare in questa società – attacca-. Prenderò provvedimenti seri, io non sono venuto a Viterbo per fare queste figure (l’espressione è più colorita, n.d.r.), prenderò le decisioni che si devono prendere in queste occasioni. Già da diverse partite avevo visto questo andazzo posso citare la partita con il Grifone o quella con il Montefiascone o ancora quella contro il Ladispoli. Oggi sono due punti persi allo stesso modo di domenica scorsa. Prima o poi dovevamo cascare alla fine è successo''.

Il dito è puntato sulla squadra: ''Non voglio sentire parlare di pressione – dice Vincenzo Camilli – chi sente la pressione non può giocare a Viterbo. Sono venuto qui e ho fatto tantissimi investimenti con la mia famiglia: i campionati si vincono con la corsa, la fame e non con i nomi e qui non corre nessuno. Oggi se avesse giocato la juniores avrebbe fatto la stessa partita. Di certo io non mi faccio prendere in giro in questo modo: così non arriviamo neanche terzi. Fino ad ora abbiamo vinto grazie ai colpi dei singoli. L’allenatore non ha alcuna responsabilità di quanto successo, ha fatto anche giocare la stessa formazione di domenica. Pirozzi ci darà una grossa mano anche sul mercato''.

Ora ci saranno provvedimenti anche verso chi non rispetta le regole: “Non sono comportamenti da Viterbese - ha tuonato Camilli e il riferimento esplicito e al gesto di De Francesco rivolto al tecnico Pirozzi al momento del cambio. Ma il presidente non ha perso la speranza: ''Se è vero che ci saranno provvedimenti è anche vero che siamo ancora a ottobre e c’è tutto il tempo per recuperare. Oggi il Rieti ha vinto è davanti a noi in classifica, ma il campionato è lungo e sono sicuro che saremo in grado di fare meglio''.





Facebook Twitter Rss