ANNO 9 n° 114
Camilli: ''Il mercato non è finito qui''
Il patron fa il punto sul campionato e presenta Sforzini e Celiento
19/08/2016 - 19:50

di Stefano Renzo

VITERBO – Puntuale come un treno svizzero, Piero Camilli alle 18 in punto è in sala stampa e inizia la sua piacevole chiacchierata poco curandosi di coloro che arrivano in ritardo. ''L’ultima volta che ci siamo visti – attacca – è stato prima di vincere lo scudetto, al termine di una stagione che è stata positiva ben oltre ogni aspettativa. Adesso però siamo in C e la situazione è un po' diversa rispetto ad un anno fa: allora eravamo la squadra più forte e la più titolata del girone, adesso queste prerogative spettano ad altre realtà''.

Chiarito che la sua Viterbese si appresta ad affrontare la stagione con umiltà ma non con rassegnazione, Camilli approfondisce il discorso del salto di categoria. ''La situazione economica nazionale e non solo è catastrofica, noi, malgrado tutto, stiamo facendo sacrifici che potrebbero anche sembrare inopportuni. Riteniamo di essere riusciti a mettere insieme una buona squadra, che possa non sfigurare in un campionato che, ripeto, è difficile. Siamo una matricola che ha fatto investimenti importanti ed intendiamo farci rispettare su ogni campo e contro qualsiasi avversario. Dove possiamo arrivare? Non lo so, strada facendo lo vedremo. A gennaio ve lo dico''.

Piero Camilli, che era accompagnato dal figlio Luciano, è soddisfatto di come è stato ''trasformato'' lo stadio ed ha parole di apprezzamento nei confronti dell’Amministrazione comunale. “Il Comune si è comportato meglio di quanto avessimo previsto portando a termine in tempi tutto sommato brevi ogni intervento richiesto. Rimane in piedi il discorso legato all’impianto di illuminazione, un problema che spero, confido, venga risolto al più presto, con urgenza. Non possiamo essere esclusi dalla partite in notturna, dobbiamo essere in grado di entrare nella turnazione come tutte le altre società, anche per una questione di serietà”.

Sull’allenatore non si sbilancia più di tanto e concede, senza nominarlo, un breve pensiero a quello non confermato a poche ore dal ritiro precampionato. ''Abbiamo ritenuto di cambiare guida tecnica quando sono tornate ad emergere incomprensioni che duravano da tempo. Cornacchini? E’ un grosso lavoratore, un tecnico che ha fatto bene ad Ancona dove ha vinto un campionato e in serie C ha ottenuto un quarto posto oserei dire esaltante. Speriamo riesca a farsi apprezzare anche alla guida della Viterbese''.

Il mercato gialloblu può essere considerato chiuso. Ma anche no. “Con gli arrivi di Celiento e di Sforzini credo di aver completato un organico che addirittura è un po’ troppo affollato. Adesso vediamo se riusciamo a sfoltire un po’ il gruppo, altrimenti rimarranno tutti, noi rispettiamo gli impegni e vorrà dire che qualcuno dovrà accontentarsi di allenarsi nel corso della settimana andando in tribuna alla domenica”. Poi il colpo di scena: ''Il mercato chiude a fine mese e al sottoscritto è sempre piaciuto il colpo dell’ultimo momento. Vediamo se la cosa riesce anche quest’anno''.

Annunciando Sforzini e Celiento, presenti alla conferenza stampa, Piero Camilli ha parlato di due acquisti mirati. “Sforzini lo conosco da tempo, lo sapete, ha fatto benissimo con il mio Grosseto, e Celiento è giudicato un giovane di valore che già vanta una buona esperienza nella categoria ed in questo girone”. Ferdinando Sforzini promette massimo impegno “e maglia sudata, sempre. Arrivo in una squadra con la fiducia preventiva del presidente e questo mi da ulteriore stimolo per dimostrare di essere ancora un giocatore importante. La mia condizione? Ho tre settimane di allenamento sulle spalle, ed al riguardo vorrei ringraziare pubblicamente il Monterosi che mi ha consentito di allenarmi, certo non ho i novanta minuti nelle gambe''. Daniele Celiento ritiene invece di essere in condizioni quasi ottimali: ''Ha fatto l’intero precampionato con il Napoli, anche se ho giocato poco nelle varie amichevoli, e penso di essere pronto per poter dare il mio contributo. Comunque e naturalmente sono a disposizione del mister''.





Facebook Twitter Rss