ANNO 9 n° 323
Calcio, Eccellenza,
Parte la stagione
delle squadre viterbesi
05/08/2013 - 04:00

di Domenico Savino

VITERBO – Tempo di ritiri. Dopo tre mesi passati tra calcio mercato e contratti, febbrili trattative e intese sulla parola più o meno ratificate, giocatori cercati da una o più società (oggetti del desiderio possibili o impossibili da raggiungere) è il momento di tornare sul campo a sudare e parlare di calcio. Anche se non è quello vero, quello delle partite che valgono tre punti, le vacanze sono finite per tutte le formazioni della Tuscia che partecipano al campionato di Eccellenza laziale.

Oggi pomeriggio quattro delle cinque formazioni viterbesi che disputato il massimo campionato di calcio della regione si radunano e iniziano fattivamente a pensare alla stagione che verrà. Lo start up del campionato è previsto per il 15 settembre: quaranta giorni per presentarsi tirati a lucido in vista della prossima stagione. Sarà un’Eccellenza coi fiocchi, tante le pretendenti al trono finale.

Un campionato impreziosito dalla presenza della Viterbese Castrense che promette di essere solo di passaggio. Ma anche le altre compagini provinciali non vogliono farsi trovare impreparate e così si sono attrezzate per provare ( a seconda delle loro possibilità tecniche ed economiche) a contendere un primato che, sulla carta, è inattaccabile. Ma siccome nel calcio le gare durano novanta minuti e si gioca undici contro undici, tutto può succedere. ViterboNews24 esplora nello specifico la condizione delle singole squadre al momento dell’inizio dei ritiri.

D’obbligo iniziare con la corazzata della famiglia Camilli. La Viterbese Castrense si raduna a Valentano questo pomeriggio alle 15 e resterà nell’Alta Tuscia fino a Ferragosto. Poi la truppa a disposizione di Claudio Solimina si trasferirà a Chianciano in provincia di Siena per ultimare a preparazione e consentire al gruppo di diventare ancora più unito. E’ la squadra da battere secondo gli addetti ai lavori: pochi in Eccellenza possono permettersi di avere in rosa gente come Federici, Ingiosi, Palermo, Noviello e Toscano che rappresentano l’ossatura di squadra.

La squadra che viene immediatamente dopo è la Sorianese del presidente Torroni scatanato sul mercato: i rossoblu si radunano oggi in sede alle 16 e presentano una rosa di tutto rispetto: Mencio, Pollini, Lazzarini, D’Antoni, Maestà e Amassoka sono i botti di mercato. Poi ci sono le altre tre formazioni ch si trovano in una posizione di rincalzo, a non per questo di secondo ordine.

La Caninese, che si è iscritta all’ultimo momento, dà il via alle 17 al Piermattei. I maremmani hanno cambiato tecnico, al posto di castagnai c’è l’ex Castresne Enrico Centaro, ma non la filosofia del sodalizio: un blocco di over guidato dagli attaccanti Goretti, Paoloni e dal portiere Castra che faranno a chioccia ai tanti giovani.

Quindi il Montefiascone (raduno in sede) che riparte da dove ha concluso, dal tecnico Stefano Del Canuto che ha compattato il gruppo ottenendo una tranquilla salvezza lo scorso anno. Folta la pattuglia dei “grandi” confermata: Nencione, Cesarini, De Paolis, Serafini, Vittori e Grimaldi, è' tornato a casa Michele Venanzi a cui affiancare gli under di qualità Parri, Proietti e Finocchi ai cui si aggiungeranno i '95 e i '96 come Bellacanzone, Flauto e Simone Venanzi. Infine il Monterosi che ha cambiato guida tecnica, da Lauretti a Marco Scorsini. I biancorossi partono questo pomeriggio e si radunano in sede. Sono arrivati  l'ex Flaminia Fallini (classe '94) e si è portato da Anguillara il centrocampista Nori. E' tornato dal prestito alla Caninese Simone Provinciali e sono stati confermati i difensori Ferri, Luciani e l'esterno Franchitti.





Facebook Twitter Rss