ANNO 9 n° 108
Calabro: ''Tanti infortuni ma non ci abbattiamo''
Luppi esce zoppicando, Cenciarelli e Sini ancora fuori. La Viterbese fa la conta
25/03/2019 - 06:53

di Francesca Cuccuini

VITERBO - Antonio Calabro ne è consapevole: tante e importanti assenze si sono sommate al dispendio di energie. Eppure la Viterbese, come confermato dal mister, ha anche rischiato di vincerla la partita con la Vibonese: ''Nonostante tutto la partita la stavamo vincendo. Quando sono venute meno le energie fisiche e mentali ci hanno recuperato. Se non sei al 100% in questa categoria tutte le squadre possono metterti in difficoltà. Quando non stai bene devi fare le cose essenziali''.

Ma anche la Vibonese non ha mai mollato e ha dato filo da torcere ai padroni di casa: ''Non si poteva perdere perché non siamo mai passati in svantaggio nonostante la Vibonese abbia fatto meglio di noi. Una di quelle giornate come è stato Rieti o Siracusa. Sono le classiche partite che vengono fuori quando hai speso tanto ma attraverso tante difficoltà non siamo mai andati in svantaggio. Anzi stavamo per chiudere la partita. Siamo andati in vantaggio due volte. Il primo goal si poteva evitare perché era nostra la palla''.

Un calo di energie e la paura che gli infortuni aumenteranno: ''Abbiamo avuto una difficoltà generale a livello psico fisico. Quando una squadra è sotto ritmo si corre di più e male e vengono fuori le caratteristiche avversarie. Oggi c'era apatia nell'aria e vuol dire che non abbiamo fatto in tempo a ripristinare fattori fisici e mentali. Coda e Luppi hanno problemi, il difensore, ha preso una botta. Sini e Cenciarelli salteranno le prossime gare ma non ci abbattiamo. Abbiamo una sfida importante e nonostante le varie assenze abbiamo le carte per fare bene''.

Nevio Orlandi stringe il punto e guarda avanti: ''Abbiamo fatto quello che cerchiamo di fare tutte le partite. Cerchiamo sempre un gioco di fraseggio: a volte ci riusciamo a volte no anche per la bravura dell'avversario. Obodo è il nostro baricentro e alza anche l'atteggiamento della squadra: ha giocato anche a livelli superiori e si vede. E' il nostro riferimento anche per la difesa perchè sa filtrare. Andiamo avanti con quelli che abbiamo: il primo obiettivo era la salvezza quindi mi pare il cammino sia più che soddisfacente. Ben vengano queste partite che aiutano anche a staccarsi dal gruppo molto folto del settimo posto. La spunterà chi ha più energie''.





Facebook Twitter Rss