ANNO 10 n° 20
Buona Viterbese, ma passa l'Ancona
Una doppietta di Bussi condanna i gialloblu all'eliminazione dalla Coppa Italia
02/08/2015 - 18:57

VITERBESE – ANCONA 0-2

VITERBESE (3-5-2): Pini, Perocchi, Dalmazzi, Scardala, Pacciardi, Fè (dal 12’st Nohman), Addessi, Pace, D’alessio (dal 16’ st Ansini), Boccardi, Roversi (dal 34’st Faenzi). Allenatore: Sanderra. A disposizione: Equitani, Faenzi, Ghezzi, Cuccia, Condemi, Fioretti, Martinelli.

ANCONA (4-3-3): Lori, Pandolfi, Cazzola, Hamlili, Konatè, Mallus, Casiraghi, Adamo (dal 10’st Bambozzi), Cognini, Morbidelli (dal 18’st Paoli, dal 23’ Genovese), Bussi. Allenatore: Cornacchini. A disposizione: Polizzi, Genovese, Baricaro, Speranza, Salciccia, Maiorano, Martignoli, Fabrizzi.

ARBITRO: Ranaldi di Tivoli (Fabbro e Santoro

MARCATORI: 53’ Bussi (Ancona), 78’Bussi

NOTE: 500 spettatori circa. Giornata calda e afosa, terreno di gioco in discrete condizioni

ANGOLI: 4-8 per l’Ancona

AMMONITI: Dalmazzi e Nohman per la Viterbese, Genovese per l’Ancona

ESPULSO: Sanderra per la Viterbese

RECUPERO: 1’+4’

VITERBO – Esce dalla Coppa Italia a testa alta, la Viterbese di Sanderra, capace di tenere bene il campo contro un’Ancona di categoria superiore e più avanti nella preparazione. A decidere la partita è una doppietta di Bussi nella ripresa, dopo che i gialloblu avevano fallito diverse chance prima per portarsi in vantaggio e poi per pareggiare. Bene, tra i padroni di casa, i giovani Pace e Addessi, che hanno mostrato grande personalità, e il portiere Pini, autore di un paio di interventi da applausi che lo candidano a portiere titolare per la prossima stagione.

Per il primo appuntamento stagionale Sanderra manda in campo, come da pronostico, una Viterbese imbottita di giovani, con ben quattro ’95, tre ’96 e un ’97, il portiere Pini. In difesa i reduci della scorsa stagione, Scardala, Dalmazzi e Pacciardi, a comporre il terzetto arretrato, con Perocchi e Fè esterni di centrocampo e il trio Pace-D’Alessio-Addessi in mezzo. Davanti, Nohman è tenuto a riposo, con Roversi e il giovane ex Grosseto Boccardi a comporre il tandem offensivo. L’Ancona, sesta nell’ultimo campionato di Lega Pro, si affida alla verve realizzativa di Cognini nel ruolo di centravanti, con Bussi e Morbidelli a gravitargli intorno.

Buona la risposta del pubblico, circa cinquecento persone per una partita senza grosse aspettative. Sulle tribune del Rocchi si vede anche l’ex calciatore Christian Panucci, attuale allenatore del Livorno venuto a studiare la prossima avversaria di Coppa Italia. Il caldo e i tanti rimaneggiamenti da entrambe le parti danno vita a una partita combattuta ma che fatica a decollare. Si lotta tanto nella zona mediana del campo, latitano le occasioni da gol, una per parte nel corso della prima frazione. Dopo una conclusione alta dalla distanza di Roversi, è un propositivo Addessi a sprecare una ghiotta chance al 20’: scambio con Perocchi dopo un bel tacco di Boccardi e conclusione di pochissimo a lato dal cuore dell’area di rigore.

Succede poco fino allo scadere, quando a mettersi in mostra è il giovanissimo portiere Pini che vola a deviare in angolo una punizione all’incrocio dei pali dello specialista Morbidelli. Un primo tempo equilibrato, durante il quale a mettersi in mostra sono soprattutto Simone Addessi, tra i migliori nella doppia veste di incursore e mediano di contenimento, e Lorenzo Pace, che in mezzo al campo dà sfoggio di grande personalità nonostante la giovane età (fa parte della sfilza dei ’95).

La ripresa si apre subito con un’occasionissima per la Viterbese: al 5’ Addessi mette in mezzo un pallone d’oro che sfila sul secondo palo dove Fè, solo soletto, calcia fuori indisturbato. ‘’Gol sbagliato, gol subito’’, recita un vecchio adagio. E così sul rovesciamento di fronte è l’Ancona a passare, con un colpo di testa in tuffo di Bussi angolatissimo sul quale Pini non riesce ad arrivare. Un paio di giri di lancette ed è Konate a sfiorare il 2-0, deviando di poco fuori una punizione insidiosa di Morbidelli. Sanderra decide di cambiare assetto, tornando alla difesa a quattro e inserendo Nohman al posto di Fè.

La Viterbese prende coraggio e al quarto d’ora sfiora il pari con Roversi, che cicca da pochi passi un invitante crossa dalla sinistra di Boccardi. Pini si mette ancora in evidenza al 25’ andando a strozzare l’urlo del gol a Mallus con un gran riflesso, poi è Addessi a calciare alto su traversone di Nohman dalla sinistra. Si gioca più con l’orgoglio che con le idee, con rovesciamenti da una parte e dall’altra. Al 34’ della ripresa il raddoppio, contestato, dell’Ancona: lungo lancio verso l’area avversaria sul quale Bussi sembra in fuorigioco. La difesa gialloblu tentenna, il guardalinee resta con la bandierina abbassata e per il numero 11 ospite è un gioco da ragazzi far secco Pini e timbrare la doppietta personale.

Di lì alla fine succede poco. Passa l’Ancona, che prosegue il cammino in Coppa dove ora troverà il Livorno. Sanderra, espulso nel finale per qualche parola di troppo, può comunque consolarsi con la buona prestazione di alcuni baby andati in campo, capaci di tener testa per tutti i novanta minuti a una rivale più quotata. Ora spazio al mercato, che rivoluzionerà ulteriormente la rosa con innesti importanti per puntare alla vittoria della prossima Serie D.





Facebook Twitter Rss