ANNO 9 n° 264
''Basta classi pollaio in provincia di Viterbo''
Flc Cgil: ''Siamo sconcertati e preoccupati dai casi segnalati''
02/09/2019 - 18:12

Riceviamo e pubblichiamo da Flc Cgil

VITERBO - Da quanto si apprende, in alcuni istituti della provincia di Viterbo non sono stati rispettati i limiti di alunni stabiliti dalla circolare ministeriale n. 1604 del 29 marzo 2019.

Le scuole interessate sono

l’ITT Leonardo Da Vinci, dove è stata formata una prima superiore con 32 alunni di cui 3 diversamente abili, l’IC Andrea Scriattoli di Vetralla in cui una classe sarà composta da 27 alunni di cui 2 disabili, mentre a Tuscania una classe conterà 31 alunni di cui 2 con handicap. Infine c’è il caso – grave ed emblematico – dell’IISS Francesco Orioli di Viterbo dove in una classe si arriverà a 39 studenti, di cui 5 diversamente abili.

Alessandro Tatarella, Segretario generale FLC CGIL Civitavecchia-Roma Nord-Viterbo, denuncia l’ennesimo caso di sovraffollamento negli istituti del territorio laziale. ''Siamo sconcertati e preoccupati dai casi segnalati. Ancora una volta ci troviamo di fronte a classi pollaio, dove la qualità dell’istruzione e la possibilità di un apprendimento paritario tra tutti gli studenti non sono garantiti. Tutto questo è inaccettabile'' prosegue Tatarella.

''La Flc Cgil Civitavecchia-Roma Nord-Viterbo è ferma nel ribadire che il MIUR deve garantire il diritto all’istruzione, come sancito dalla Costituzione, fornendo a tutti i docenti la possibilità di svolgere al meglio il proprio ruolo, guardando innanzitutto alle esigenze delle studentesse e degli studenti: avere una istruzione pubblica di qualità in ambienti dove dev’essere salvaguardata la sicurezza degli studenti e di tutto il personale''.

''Una classe composta da 39 studenti non può garantire questi obbiettivi. Chiediamo al ministero di far fronte a quella che ormai è una patologia cronica del sistema di istruzione pubblico, attraverso l’espletamento dei concorsi ordinari del 2016 e del 2018 e l’immediata applicazione del Decreto sulla scuola approvato dal Consiglio dei Ministri del 6 agosto 2019 e il conseguente sblocco dei concorsi straordinari previsti dal Decreto in seguito all’accordo firmato il 24 aprile scorso dai sindacati della scuola e il Governo che interesserebbe una platea di almeno 55 mila docenti''.00

Per la Flc Cgil la priorità assoluta è che venga assicurata, al personale docente, Ata e alle studentesse e agli studenti, una scuola inclusiva, sicura e di qualità, prescindendo da qualunque crisi di governo. E non smetterà di ribadirlo e sostenerlo in tutte le sedi competenti e nelle piazze.







Facebook Twitter Rss