ANNO 9 n° 342
Attenti: chiedono soldi per associazione di volontariato, ma è una truffa
Violata la casella mail di ''Libellula libera'' e quella del suo presidente
11/11/2019 - 15:30

di Veronica Ruggiero

VITERBO - Attacco alla posta elettronica del presidente dell'associazione fibromialgia ''Libellula libera'', violati la casella di posta personale del presidente Francesco Piccerillo e quella dell'associazione. Se ne è accorto proprio lui questa mattina dopo aver trovato, tra la posta inviata dai suoi indirizzi, una mail a diversi destinatari in cui si richiedevano somme di denaro da inviare ad un indirizzo in Costa d'Avorio.

La richiesta ''urgente'' era stata inviata durante le ore notturne, poco dopo la mezzanotte, con un primo approccio in cui si chiedeva ''se fosse possibile chiedere un favore'' a firma di Piccerillo. Immediatamente dopo, in una seconda mail, il truffatore ha chiesto di inviare dei soldi attraverso un'agenzia, tra le due possibili indicate nello scritto, all'indirizzo segnalato. Un fenomeno che la polizia postale, alla quale si è rivolto il presidente dell'associazione per segnalare l'accaduto, ha definito 'Fishing'.

Il malfattore dopo aver violato la posta elettronica avrebbe lanciato un amo a cui qualcuno avrebbe abboccato, permettendogli così di riscuotere denaro. ''Stamattina appena mi sono accorto della violazione - ha dichiarato Francesco Piccerillo - sono andato a fare la segnalazione. Purtroppo essendo il conto indicato fuori dai confini nazionali non è stato possibile sporgere querela qui. Immediatamente ho avvisato pubblicamente tramite social e privatamente tramite mail coloro che erano stati contattati. Provvederó ora a far fare dei controlli sui supporti tecnologici che solitamente utilizzo, PC e smartphone, sperando che non succeda più e che non siano stati sottratti dati personali e identità''.

Il presidente ha tempestivamente avvisato chiunque avesse ricevuto la richiesta di non inviare denaro e che si trattava solo di una truffa a danno del buon nome dell'associazione.







Facebook Twitter Rss