ANNO 8 n° 290
All'ultimo respiro: Viterbese ok ai rigori
Il Teramo, dopo il persistente zero a zero fallisce il rigore finale
22/11/2017 - 19:18

VITERBO - Il match inizia da subito a ritmi alti, come una partita secca richiede. Il Teramo vuole immediatamente chiudere la pratica qualificazione e si crea più occasioni della Viterbese, mettendo Pini in pericolo più volte. In campo, ambo i lati, scendono solamente i giovani e la velocità di gioco è elevata: il più 'anziano', Musacci classe '87 a parte, ha solamente 25 anni. I padroni di casa sembrano meno concreti e organizzati rispetto agli abruzzesi e le azioni si fermano sempre all'inizio dell'area di rigore.

Viterbese irriconoscibile, in divisa blu scuro, e Teramo in rosso. Rosso come il campanello d'allarme che si aziona ogni volta che la squadra di Antonino Asta riesce a prendere palla e portarsi avanti. Ogni avanzata, infatti, è un'occasione d'oro sprecata per imprecisione.

Lo scacchiere di Stefano Sottili, al contrario, fatica di più. Non soffre per possesso palla, ma entusiasma di meno con il reparto offensivo: la giovane difesa teramana è un muro e, davanti a Lewandowski, non passa nulla. Il secondo tempo si appesantisce e assomiglia più a una ninna nanna che a una partita. Nessuna emozione, neanche un cartellino degno di nota. Le due formazioni si abbandonano a uno squallido zero a zero che mai si sarebbe pronosticato dopo un primo tempo frizzante. E si finisce ai tempi supplementari che si aprono con il consueto cartellino giallo ai danni di Kabashi.

La sveglia suona dopo 12 minuti grazie a Loris Tortori che, dal limite dell'area, colpisce in pieno la traversa e fa sussultare, dopo troppo tempo, i pochi intimi presenti allo stadio. E anche il primo quarto d'ora termina a reti bianche. Stessa sorte per l'ultimo dei due tempi supplementari che, però, risulta molto più combattuto e rischia, più volte, di decretare una vincente. I gialloblu, dagli 11 metri, rischiano di pagare gli errori di Tortori e Sini, ma il tiro finale di Faggioli che si perde tra le braccia di Pini qualifica la Viterbese per il prossimo turno di coppa Italia.





Facebook Twitter Rss