ANNO 9 n° 291
Albero caduto alla Villa di Vetralla, ''Che fine ha fatto il sindaco?''
Noi per Vetralla: ''I cittadini non possono neanche chiedere spiegazioni''
19/08/2019 - 12:03

VETRALLA - Riceviamo e pubblichiamo dalla Lista Noi per Vetralla, Zelli Sindaco:

È sconcertante leggere i comunicati dell'amministrazione Coppari, anche in questo frangente sono riusciti a distinguersi per arroganza e presunzione. Innanzitutto vorremmo sapere il sindaco che fine ha fatto, neanche una parola e nemmeno la presenza per metterci la faccia, di fronte ad un fatto come quello della Villa Comunale.

Stando a quanto viene dichiarato in un comunicato a firma di tutti e di nessuno, la colpa è della passata amministrazione e i cittadini di Vetralla non possono neanche chiedere spiegazioni, chiedere più sicurezza, devono stare zitti e muti perché è andato tutto bene. Siamo veramente all'assurdo, invitiamo questo signori ad uscire dal loro castello fatto di arroganza e prevaricazione, perché ormai i cittadini di Vetralla hanno capito da chi sono amministrati.

Oltre a queste vergognose dichiarazioni, rileviamo la serie di inesattezze e falsità che sono state dette per giustificare le loro incapacità ed inadempienze.

Ci dicono che dalle analisi svolte non si ravvisava nessun pericolo, bene noi abbiamo chiesto di visionare la relazione del tecnico che rassicurava sulla condizione dell'albero. Questa relazione non è resa pubblica perché non esiste; l'assessore Pasquinelli lo conferma nel consiglio del 24 Luglio dove, rispondendo alle opposizioni, ha riferito che pur non avendo ancora la relazione, dalle analisi fatte, la pianta stava relativamente bene nella parte del colletto, cioè la base, mentre era visibile anche ad occhio nudo che, nella parte più alta in corrispondenza della biforcazione, la pianta era cariata e cava (la parte che poi è crollata). Questa situazione dovrebbe essere ancora più evidente dalla tomografia fatta dal tecnico, quindi vorremmo sapere come avrebbe fatto il tecnico incaricato a dichiarare la pianta sicura. Vogliamo vedere il documento che afferma che lo schianto non sarebbe stato possibile. Tutto ciò dovrebbero spiegarlo ai cittadini, invece raccontano il contrario e dicono menzogne, fanno tutta una cronistoria nel puerile tentativo di buttare la responsabilità su altri. Ancora peggio sono i toni intimidatori verso quei cittadini che chiedono sicurezza.

Si fa anche riferimento ad una interrogazione di Coppari quando era all'opposizione sulla cementificazione della zona, intervento che riguardava l'installazione dei giochi, poi però quando è diventato sindaco nulla ha fatto in merito. A dimostrazione che il comunicato fatto serve solo a giustificarsi e che anche le preoccupazioni di allora, come quelle di oggi, erano e sono solo facciata.

Infine dobbiamo ringraziare chi ha fatto il comunicato con tanto di foto in cui si evidenzia che i soldi per la manutenzione e per pagare il tecnico sono stati inseriti con una variazione di bilancio il 24 Luglio, proprio come dicevano noi, proprio come il consigliere Zelli ha reso pubblico; per la manutenzione del verde e per il problema albero non era stato stanziato un euro.

Gli interventi fatti all'interno della Villa Comunale sono insufficienti, tutti lo possono vedere, perché come è vero che alcuni alberi sono stati messi in sicurezza, è altrettanto vero che alcuni alberi sono caduti.

Torniamo a chiedere le dimissioni di questa amministrazione, in quanto se come dicono la sicurezza dei cittadini è una priorità, bene loro hanno messo in pericolo decine di persone non prendendo una decisione pur essendo a conoscenza della gravità de problema è della pericolosità dell'albero per la sua posizione. Poteva essere chiusa l'area, oppure evitare l'utilizzo dei giochi, intervenire sull'albero; hanno scelto di non decidere ed ora i cittadini non possono neanche chiedere il perché.







Facebook Twitter Rss