ANNO 7 n° 325
Al via ''Facciamo Splash!''
Il progetto in piscina, finanziato con fondi Ue, è rivolto ad alunni con difficoltà
18/10/2017 - 15:29

VITERBO - Ha preso ufficialmente il via oggi presso la piscina Comunale di via della Pila il progetto “Facciamo Splash!”, finanziato dalla Comunità Europea nell’ambito del POR FSE 2014-2020 con il programma “Fuoriclasse”, e che ha portato in piscina due classi della Scuola Secondaria di Primo grado “B. Tecchi” di Viterbo, insieme agli alunni in difficoltà inseriti nei gruppi classe.

Il progetto è stato elaborato dalla Asd Sorrisi che Nuotano Eta Beta di Viterbo Onlus, società sportiva che da quasi 20 anni si interessa di promuovere il sano esercizio sportivo tra i giovani in difficolta della città e della provincia di Viterbo, ma è il risultato di una ampia collaborazione tra le Istituzioni pubbliche e private ed il mondo dell’associazionismo sportivo e del volontariato in generale.

Partner del progetto l’Istituto Comprensivo “Carmine”, grazie al dirigente dottoressa Marini, che ha immediatamente colto l’innovatività del progetto in sede progettuale e lo ha con entusiasmo proposto alle famiglie dei ragazzi della Scuola “Tecchi”.

Gli aspetti medici e riabilitativi sono stati curati dal dottor Marcelli, Direttore della Unità Operativa Complessa Salute Mentale e Riabilitazione dell’Età Evolutiva della ASL di Viterbo, con cui l’Asd da anni collabora in programmi socio-riabilitativi.

Il supporto per il trasporto degli alunni dalla Scuola all’impianto, è stato garantito dal Comune di Viterbo, altro partner istituzionale del progetto, grazie alla collaborazione della Società “Francigena S.r.l.”. Lo spazio acqua è stato messo a disposizione dalla Società Larus, gestore dell’impianto di Via della Pila, e con cui l’Asd Sorrisi che Nuotano Eta Beta collabora da tempo. Infine, la Croce Rossa Italiana Sezione di Viterbo con un essenziale supporto logistico, ha consentito l’inizio del progetto come da cronoprogramma.

All’avvio ufficiale del progetto sono intervenuti il sindaco di Viterbo, Michelini, gli assessori Delli Iaconi e Ricci, la dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo Carmine dottoressa Marini, il responsabile dell’Impianto dottor Grancini e il presidente della Cri dottor Sbocchia.

Palpabile l’entusiasmo dei ragazzi che hanno festosamente “invaso” la piscina: “Vedere i compagni di Alice e Luisa applaudire le proprie compagne che completavano un esercizio – ha commentato il presidente Maurizio Casciani – non ha prezzo, ci emoziona, e ci ripaga del grande sforzo organizzativo sostenuto. La strada per una reale integrazione passa anche attraverso esperienze di questo tipo”.

Ed a sottolineare il carattere fortemente inclusivo del progetto, a fare da assistente ad Alice e Luisa, la nostra aiuto istruttore nonché atleta speciale Marta che, dal 1 ottobre, sta svolgendo un tirocinio lavorativo retribuito presso l’Asd Sorrisi che Nuotano Eta Beta, nell’ambito del Programma “Garanzia Giovani”.

“Alla base di questo tipo di esperienza c’è sempre un momento di “rigenerazione” – ha detto il sindaco Michelini rivolgendosi ai ragazzi della Scuola Tecchi –

rigenerazione dei rapporti e della collaborazione tra le Istituzioni ed il mondo dell’Associazionismo e del Volontariato. Da questi momenti si possono trarre nuove energie per affrontare insieme le prossime sfide”.

Il progetto, che coinvolge 39 ragazzi di 12 e 13 anni, di cui due in difficoltà, ha preso avvio lo scorso 10 ottobre e si concluderà il 30 maggio 2018.







Facebook Twitter Rss