ANNO 9 n° 110
Al Class Club il Made in Italy è sotto il segno di Luca Guerrieri e Max Zotti
di Annalisa Fortunati
07/02/2019 - 07:02

VITERBO - Sulla locandina del Class Club di questa settimana spicca la bandiera Italiana e abbiamo imparato ad associare il tricolore all'arrivo di artisti che volano alto nel panorama musicale nazionale. E sarà così anche venerdi 8 Febbraio. L'unica differenza rispetto alle precedenti edizioni del format Made in Italy è che stavolta il Class raddoppia la dose schierando in consolle Luca Guerrieri e Max Zotti. In particolare il primo, Luca Guerrieri, negli anni è diventato una sorta di guida spirituale e mente demiurgica capace di ritagliarsi un ruolo fondamentale nel progetto del Class Club. Spesso quando si ha a che fare con artisti che operano da più di 20 anni nel mercato musicale si avrebbe a disposizione un intero mondo da raccontare in uno spazio forse troppo ridotto. Abbiamo cercato di sintetizzare, senza togliere giustizia, le bio che ci introducono tra una hit e l'altra due grandi artisti che sapranno sicuramente regalare a Viterbo uno spettacolo da ricordare.

Luca Guerrieri dal 1995 non ha mai smesso di portare in giro la sua musica suonando nei locali più importanti del panorama nazionale ed internazionale , tanto che nel 2015, ha vinto il Dance Music Awards Italiano come miglior Producer House. Nel suo studio a Follonica , il Double Vision Studio, ha coprodotto tracce insieme a Federico Scavo tra le quali, Strump ,Bug, Que Pasa, Balada, Funky Nassau, Parole Parole, Live Your Life (insieme a Barbara Tucker) ed anche alcuni dei sui remix tra i quali Jovanotti, Candido, Sophie Ellis-Bextor, Boy George. Non sono mancate in questi anni anche coproduzioni con Shorty, Tommy Vee e Alex Kenji.

Tra le sue produzioni più importanti trovate Tears, suonata nel main stage del Tomorroland, , Harmony battezzata da Pete Tong nel suo programma su BBC Radio 1 e per 2 settimane consecutive al numero 1 della Dance Chart, Flow (suonata da Tiesto, Chuckie, Sam Feldt, EDX), e moltissime altre.

Proprio quest'anno,,su Clap Records, uscirà con il suo primo album intitolato “It Never Ends” dove ci saranno 15 tracce di cui 9 inediti e 6 scelte tra le più rappresentative della propria carriera.

Max Zotti è un dj produttore e remixer originario della costiera amalfitana ed è in consolle da quando aveva 14 anni. Una scelta non da tutti, quella di dedicarsi alla musica, ma senz'altro vincente visto che dal 2004 fa parte del team dell'etichetta partenopea Net's Work & Songs e nel 2008 ha prodotto 'Deep Fear', hit mondiale realizzata col progetto Sidekick. Con Deep Fear si sono aperte le porte dei grandi palcoscenici. Ma oltre ad impegnarsi a fondo in studio creando un successo dietro l'altro, Max Zotti continua a fare ballare il mondo: i top club di Miami, Ibiza, Instanbul e le disco di tutta Italia .'Il mio sound è elettronico, in ogni set, ma il pezzo del mio cuore è la versione di Tiesto di Adagio For Strings, un capolavoro senza tempo '. Chi vuole avvicinarsi al suo sound, si procuri 'A Journey Into My Sound', una mini raccolta che contiene i singoli ed i remix più importanti della sua carriera.

Ricordiamo inoltre che Luca Guerrieri, Max Zotti , Andrea Pellizzari e Aldo Carpanzano il 7/8 Febbraio saranno i protagonisti della convention Meet and music che si terrà presso la sede di Santa Maria in Gradi dell'Università della Tuscia. Il tema sarà l'importanza dei social media all'interno della vita professionale di un producer musicale. ( 7/2 dalle 15.00 alle 18.00 e 8/2 dalle 10.00 alle 13.00).

Per chi la musica non la produce e preferisce ballarla l'appuntamento imperdibile è dunque l'8 febbraio a partire dalla mezzanotte all'indirizzo del Class Club.

 

 

 







Facebook Twitter Rss