ANNO 7 n° 177
Agricoltura viterbese,
si guarda al futuro
Sviluppo e internazionalizzazione, gli obiettivi di Agrinsieme per il 2017
03/01/2017 - 11:51

VITERBO - Sviluppo dei prodotti dell'agricoltura viterbese, internazionalizzazione, valorizzazione di Dop e Igp della Tuscia, con particolare attenzione per il pecorino romano Dop: questi alcuni degli obiettivi di Agrinsieme per il 2017. Da quando Cia, Confagricoltura, Confcooperative, Legacoop e Copagri hanno unito le forze si vedono i primi risultati per l'agricoltura viterbese. Nel futuro, neanche troppo lontano, sono già in essere prove di dialogo con Rieti per una struttura che superi i confini provinciali e sfrutti meglio le sinergie.

Il bilancio di Agrinsieme 2016, presentato questa mattina in Camera di Commercio a Viterbo, delinea nel complesso un quadro positivo. La battaglia contro l'Imu sui terreni agricoli ha portato all'esenzione totale per i terreni delle zone svantaggiate ma anche l'esenzione per i terreni dei comuni di pianura di Tarquinia e Montalto di Castro, anche se limitatamente agli imprenditori agricoli professionali e coltivatori diretti.

Agrinsieme Viterbo è riuscito a dire la sua anche nel percorso di riforma dei consorzi di bonifica della Regione Lazio, ottenendo la costituzione del quarto consorzio di bonifica per le province di Viterbo e Rieti.

Passi in avanti sono stati condotti anche con la costituzione dell'APPO, organizzazione che riunisce i produttori di olio extravergine.

Qualche nota dolente è venuta dal confronto con la Regione, dove si sono accumulati ritardi con il PSR ancora fermo al palo, slittamenti tra presentazione delle domande e proroghe dei bandi. Da qui la proposta che tutti i partner di Agrinsieme lanciano alla Regione di razionalizzare l'utilizzo delle strutture e delle risorse umane attraverso un tavolo permanente. In particolare si chiede una definizione degli interventi condivisi per lo sviluppo dei prodotti dell'agricoltura da parte di Camera di commercio, Gal e delle altre strutture partecipate come Flag e Arsial.

Come sottolineato molta attenzione si darà alla valorizzazione di Dop e Igp della provincia, con la costituzione dei consorzi di tutela e un'attenzione particolare sarà rivolta alla promozione del pecorino romano Dop e al tempo stesso al riconoscimento di una nuova Dop/Igp per il formaggio di pecora a breve stagionatura.

Al tempo stesso sarà sulle criticità che Agrinsieme vuole fare la differenza, con interventi mirati per i settori più in crisi come castagno, cereali, latte e sulle possibili colture e allevamenti alternativi.


loading...




Facebook Twitter Rss