ANNO 9 n° 237
''Aeroporto, Enac aveva proposto Viterbo''
Il comitato FuoriPista di Fiumicino sullo scalo dedicato ai low cost
11/08/2019 - 00:02

 

VITERBO - Sembra essere una storia infinita quella dell'aeroporto a Viterbo. Da anni infatti, si parla della possibilità di un creare un terzo scalo del Lazio proprio nella Tuscia, ma per una lunga serie di motivi e nonostante i tanti annunci fatti dalla politica, nessun progetto inerente alla effettiva costruzione ha mai preso vita.

Ad accendere nuovamente i fari sulla questione ci ha pensato stavolta il comitato FuoriPista di Fiumicino. Nei giorni scorsi infatti, gli attivisti romani hanno incontrato i vertici di Enac per parlare del progetto alternativo di sviluppo di Fiumicino e dell'idea di un aeroporto di sostegno a quello della Capitale dove poter trasferire i voli low cost.

''I voli low cost devono essere dislocati in un aeroporto dedicato - ribadiscono gli attivisti -. Questo può essere individuato in un terzo aeroporto nel Lazio oppure, tra quelli indicati nel Piano Nazionale Aeroporti, a Perugia e Pescara''. A questa affermazione, Enac ha risposto di aver aver già da tempo proposto l’aeroporto di Viterbo come contenitore idoneo per questa tipologia di voli.

FuoriPista ha inoltre denunciato inoltre che la massiccia presenza dei voli low cost a Fiumicino, circa il 26% del totale, è stato uno dei fattori che ha contribuito a generare la crisi di Alitalia, che rappresenterebbe una concorrenza insostenibile per la compagnia di bandiera.






Facebook Twitter Rss