ANNO 10 n° 56
''Acqua, sicuri che il voto sugli aumenti sia valido?''
Erbetti (M5s) ricostruisce come si è svolta l'assemblea Ato del 30 dicembre
16/01/2020 - 16:12

Riceviamo e pubblichiamo.

VITERBO - Ma cosa è successo il 30 dicembre 2019?

Cosa è successo durante l'assemblea Ato e a quella dei soci Talete?

Lo chiedo perché a quanto pare le cose sono un po’ ingarbugliate e poco chiare, credo chi è preposto a farlo, dovrebbe spiegare ai cittadini se è vero o meno che praticamente tutti i sindaci, in prima persona o tramite i propri delegati hanno realmente votato l'aumento delle tariffe Talete dell'1,4% per il 2019 e del 9% annuo per il periodo che va dal 2020 al 2023, nel caso in cui Arera concedesse il prestito di 40milioni di euro. I sindaci si sono resi conto che così facendo hanno aperto la strada ad un aumento del 45% in cinque anni?

Ma cosa ancora più grave, se fosse vero, sarebbe, il condizionale è d'obbligo, che al momento del punto 4 dell'ordine del giorno dell'assemblea Ato, quello sugli aumenti, il delegato del sindaco Arena, non fosse presente in aula e che al suo posto abbia votato, un altro delegato, che però non aveva la delega per quell'assemblea, ma per quella dei soci Talete.

Cerco di inquadrare come sembrerebbero essere andate le cose: ore 12:09 circa, inizia l'assemblea, 15 minuti dopo si vota il punto N1, dopo 21 minuti e quindi alle 12:30 circa, si vota il punto N2. Dopo un'ora e 5 minuti si vota il punto N3. Siamo quindi arrivati pressapoco alle 13:14 minuti, da quel momento in poi e cioè fino alle 13:40, ora in cui viene chiuso il verbale, si tratta e poi si vota il punto N4, ricordiamo che è quello degli aumenti, ma in questo frangente di tempo (dalle 13:14 alle 13:40) sembrerebbe non fosse presente il delegato di Viterbo per l'assemblea Ato, ma solo quello per l'assemblea dei soci Talete. Se così fosse, l'assemblea Ato sarebbe valida? Ci sarebbe stato comunque il numero legale? È mai possibile che nessuno, se così fossero andate realmente le cose, si sia accorto dell'accaduto? In un comunicato dei giorni scorsi, il consigliere delegato dal sindaco di Viterbo per la sola assemblea dei soci Talete, dichiarò: ''Io ho partecipato all’assemblea dei soci della Talete come delegato dal sindaco di Viterbo ratificando il voto espresso dall’assemblea dei sindaci, e congelando così l’incremento previsto dell’1,4%', ma siamo certi sia andata veramente così? Siamo certi che non abbia votato per errore nell'assemblea Ato? In molti affermano che il voto espresso fosse proprio nell'assemblea Ato. Credo che sia arrivato il, momento di fare chiarezza per togliere ogni dubbio su come siano andate le cose. La settimana scorsa a mezzo stampa chiesi al sindaco Arena di dire chiaramente, se il voto espresso dal comune di Viterbo fosse stato per gli aumenti tariffari nonostante la delibera di consiglio che impegnava lo stesso sindaco a non farlo. Oggi chiedo invece a gran voce che si faccia chiarezza su quanto accaduto in assemblea Ato. Lo dobbiamo ai cittadini.

Massimo Erbetti, consigliere comunale M5s






Facebook Twitter Rss