ANNO 9 n° 326
''A quale titolo il dottor Castagnaro opera all'ospedale di Montefiascone?''
L'ex direttore dell'Uoc Ortopedia a Belcolle risulta in pensione. Fp Cgil e Fp Cgil Medici chiedono che tipo di rapporto c'è tra lui e la Asl
26/10/2019 - 09:59

Da Antonio Amantini* e Stefano Inocenzi** riceviamo e pubblichiamo.

MONTEFIASCONE - La Fp Cgil Medici di Viterbo e la Fp Cgil Civitavecchia - Roma Nord - Viterbo sono venute a conoscenza che da alcuni giorni opera presso il day surgery dell’ospedale di Montefiascone il dottor Antonio Castagnaro.

Non ci sarebbe nulla di strano se non fosse che il dottor Castagnaro, ex direttore Uoc Ortopedia dell’ospedale Belcolle, ci risulta collocato a riposo per raggiunti limiti di età dal primo agosto 2019 (delibera n. 658 del 17/04/19).

La professionalità del dottor Castagnaro non è in discussione, essa è''“ben nota'' sia nella comunità scientifica sia tra i cittadini viterbesi, testimoni in prima persona delle qualità cliniche e gestionali del suddetto professionista.

Lascia però perplessa questa organizzazione sindacale il non aver trovato nell’Albo pretorio aziendale una delibera che faccia riferimento all’autorizzazione ad effettuare tale attività chirurgica da parte del suddetto sanitario in quiescenza.

Sappiamo bene che la Asl può instaurare rapporti di collaborazione gratuita con soggetti già lavoratori collocati in quiescenza (delibera n. 2300 del 19/12/17), ma non troviamo nessun riferimento di tale contratto di collaborazione, come invece risulta per altri professionisti.

A quale titolo quindi il dottor Castagnaro da giorni opera presso l’ospedale di Montefiascone? Da chi è stato autorizzato? E’ parte di un segreto progetto di ricerca? E’ una forma di tutoraggio giustificata dalla ultradecennale esperienza del suddetto professionista?

Tale collaborazione è a titolo gratuito o oneroso?

I pazienti sono stati correttamente informati sulla composizione dell’equipe chirurgica?

I pazienti che hanno avuto l'indiscutibile fortuna di essere operati dal dottor Castagnaro in base a quali criteri sono stati selezionati?

Chi risponde di eventuali esiti invalidanti derivanti da tali procedure chirurgiche?

Non esistono nella Asl di Viterbo chirurghi ortopedici che possano portare a termine questi... immaginiamo... delicatissimi interventi?

Di che tipologia di interventi si è occupato il suddetto professionista?

Siamo perplessi. Infatti ci risulta che i professionisti che il dottor Castagnaro ha affiancato in questi giorni sono tutti altamente specializzati e con una esperienza ventennale nella chirurgia della mano, ci domandiamo quindi quali ulteriori elementi formativi il dottor Castagnaro, direttore per anni dell’Uoc Ortopedia, possa ora trasmettere a tali professionisti.

Ci siamo posti questi interrogativi. Ma abbiamo oggettiva difficoltà a trovare adeguate risposte.

Pertanto, esclusivamente al fine di perseguire quella trasparenza che innegabilmente è sempre stata il ''faro'' di questa direzione aziendale, chiediamo alla stessa di rispondere a questi interrogativi anche a tutela dello stesso professionista.

Come nostra abitudine siamo anche pronti ad incontrare la Direzione Aziendale certi dell’esistenza di una razionale giustificazione a questo ''strano caso''.

*Antonio Amantini, segretario generale Fp Cgil Civitavecchia Roma Nord Viterbo
**Stefano Innocenzi, resposabile territoriale medici Fp Cgil Civitavecchia Roma Nord Viterbo







Facebook Twitter Rss