ANNO 9 n° 342
A piedi fino a Tuscania e debiti col fisco onorati
Tifoso viterbese, cosa sei disposto
a fare affinché succeda ''quella'' cosa?
20/03/2016 - 02:00

''Se accade quello che tutti speriamo, vado a piedi fino a Tuscania!''

Pino Maniscalco

 

''Più che fioretto, il mio è un augurio: vi posso dire che, se accadesse quella cosa, sarei onorato di essere invitato a partecipare ai festeggiamenti dei tifosi!''

Daniele Ingiosi

Ex calciatore della Viterbese


'Se dovesse veramente accadere quella cosa faccio un salto dalla Svizzera e pago tutti i debiti che ho lasciato con il Fisco'

G.F.


Maggio 2016, ecco il fioretto - i fioretti, ci siamo dati da fare - (gradito a tutta la città ne siamo certi) che abbiamo in mente. Punto uno, visita alla teca di Santa Rosa breve preghiera con minuto di raccoglimento e invito ceralaccato da spedire a papa Francesco per assistere al trasporto. Punto due, bonifica del fiume urcionio e foto ricordo con paletta e stivali di gomma a porta Faul con posa di targa in ottone con la scritta 'Hic sunt leones'. Punto tre, scalata della chiesa di San Valentino a Terni e bandiera gialloblu piantata sul campanile (breve irrisione dei presenti). Punto quattro, scrivere all'accademia geografica mondiale a fare pressione (anche con la forza) per spostare il meridiano 0 da Greenwich a Viterbo. Punto cinque, chiedere elezioni anticipate e promozione del candidato unico Innocenzi per la poltrona di sindaco. Se necessario, occupazione della sala consiliare. Punto 6, Abolizione del semaforo - parcheggio di porta Fiorentina e guadagno del 30% in termini di ore/vita. Punto 7. Raccolta a Castel D'asso delle erbe officinali e non per la realizzazione di una grandioso 'acquacotta day' da celebrarsi in piazza San Lorenzo alla presenza del vescovo e di alti prelati. Punto 8. Pellegrinaggio enogastronomico a Rieti, mangiare e rimanere scontenti (anche davanti al miglior piatto del mondo) sottolineando la superiorità calcistica. Punto 9. Incentivo di 10 euro più kit pannolini per un mese e biberon sterilizzato per chi deciderà di chiamare il figlio/a, Piero/a. Punto 10, Sono ammessi suggerimenti. Solo se vengono da Viterbesi da almeno 3 generazioni. Albero genealogico alla mano, non perdi tempo.

Luca Telli


''Mi accodo agli amici di Antichi Valori: anch’io sono pronto ad andare dallo stadio alla basilica di Santa Rosa a piedi nudi''.

Carlo Gobbino

 

''Se succede quella cosa lì smetto di bere. Di bere le spremute di melograno, chiaramente''.

Vittorio B.


''Se dovesse succede farò in modo, con i molti miei colleghi/tifosi di porre una bandiera gialloblu sul campanile dell'orologio di piazza del Comune. Bella sfida...''

Danilo

via WhatsApp

 

''Se succede quella cosa prometto che non mi incazzerò più con la Fornero''

Massimo Luziatelli


''Il mio fioretto solenne per la Viterbese è questo: cantare a squarciagola a piazza del Sacrario la canzone di Pupo 'Gelato al cioccolato', travestito da Platinette''.

Fioretto inviato dal nostro lettore Leonardo via mail

 

''Se succede quello che succede vado da casa mia (zona Cappuccini) al Bullicame a piedi''

Biagio Settembre

 

''Se succede quella cosa lì, giuro che mi impegnerò per tornare sulla panchina della Viterbese''

Massimiliano Farris

 

''Se succede, prometto a voi e a me stesso, con grande dedizione, neanche una sigaretta per una settimana, pena l'esilio in vetta lassù sulla Palanzana. Se poi, sogno un po', lo ammetto, ci fosse un secondo balzo in cima, ve lo prometto, ci vado persino scalzo!''.

Tommaso Crocoli

 

''Non succede ma se succede... Anche io voglio fare il mio fioretto. Questa squadra e questa società lo meritano. E allora prometto solennemente che se succede allora non farò la barba per un mese. Un traguardo come questo lo merita. Davvero.

S.D.

 

''Se accade quello che tutti noi sportivi viterbesi speriamo possa accadere... Voterò una delibera di Michelini...''.

Sergio Insogna

 

''Se succede quella cosa lì giuro che convinco il vicino di casa di Fedez a trasferirsi dalle parti di Gigi D'Alessio''.

Franceschino

 

''Qualora accadesse sul serio quello che speriamo, tenteremo di risarcire moralmente tutti quei poveri studenti più piccoli di noi che abbiamo bullizzato quando andavamo al liceo (tre/quattro anni fa o giù di lì). Oh, noi almeno ci proviamo, apprezzate l'intenzione!''.

Le Alfa


''Sono sincero: non vorrei portare sfiga, perchè non vedo l'ora di rivedere la mia Viterbese nel calcio che conta. Quindi per scaramanzia non vi dico il fioretto che sarei disposto a fare''.

Omar Martinetti

Il capitano della mia città

 

''Se succede quella cosa lì a fine campionato, prometto di ascoltare per un mese tutta la discografia di Gigi D'Alessio. Con le cuffie sulle orecchie, cantando i ritornelli senza piangere''.

Luca Alisei

 

''Se succede quella cosa giuro che non mangerò formaggio per un mese, e io sono fissato col formaggio''.

Fabio Settembre

(detto ‘’Bietto’’)

 

''Se succede che la Viterbese, realizza il sogno, giuro di aderire a Moderati e Riformisti''.

Francesco Mariani

 

''Se succede quella cosa lì, mi impegno solennemente a non commettere atti impuri per tre mesi''.

Ettore via sms

 

''Se la Viterbese va dove deve andare, giuro di stirare le camicie di mio marito senza fiatare''.

Lucia

 

''Se succede quella cosa giuro di non prendere più caffè per un anno. Inoltre accenderò un cero a Santa Rosa''.

Dario Menghini

Antichi Valori Viterbo

 

''Se dovesse succedere proverò con il massimo impegno a smettere di fumare (impresa ardua visto che fumo due pacchetti al giorno)... Forza gialloblù!''

Andrea Marcosano

 

''Se quella cosa dovesse succedere davvero, mi travestirò da pecora della Ilco per una settimana e pascolerò a Valle Faul, belando pure un po'''

Gino

via Sms

 

''Se succede quella cosa io, Lucio, mi spoglio a piazza del Comune coprendo solo le nudità. Questo è il mio fioretto gialloblu''.

Lucio Matteucci

 

''Ciao,

riguardo alla simpatica iniziativa dei 'fioretti per la viterbese', volevo dire la mia, precisando che si tratta solo della mia personale opinione, rispettabile ma sempre e comunque opinabile.

Non sono un tifoso della viterbese, di quelli molto attaccati alle vicende gialloblu. Seguo solo quello che accade attraverso i media.

L'attaccamento ai colori gialloblu risale a qualche anno fa, quando per motivi professionali ho seguito le sorti della squadra, agli ormai celebri tempi 'moderni' di quella che si chiamava ancora 'serie C', avendo ancora in mente tutte le vicende che hanno portato, tra l'altro a Viterbo, presidenti come Gaucci e qualche giocatore che poi ha frequentato anche spogliatoi più prestigiosi.

Non vorrei passare, con quello che dirò in seguito, come il classico 'gufo' o 'porta jella', e sarei molto felice di essere smentito a fine stagione, accorgendomi di aver fatto previsioni errate, frutto, lo spero, anche del cambiamento dei tempi.

Proprio per averne viste, in passato, di ogni colore, vorrei non illudermi troppo sull'eventuale buon esito di questo campionato. Come in molti ricorderanno, troppe volte, in passato più o meno recente, quando si arrivava molto vicino a 'quel' traguardo, poi intervenivano fattori che con le tattiche, le tecniche le formazioni da schierare, c'entravano poco. Ci si rendeva conto che forse l'impegno e lo sforzo della squadra tutta e il titolo che si andava a conquistare avrebbero richiesto per l'anno successivo sforzi più che duplicati e impegni di ogni genere di dimensioni molto più grandi. E forse questo creava un po di apprensione e più di qualche preoccupazione.

E poi 'quel' traguardo svaniva quasi per incanto, lasciando magari Crotonesi memorie...

Naturalmente se si dovesse conquistare l'ambita meta, il salto di qualità sarebbe di quelli non piccoli, e di conseguenza entrerebbero in gioco fattori diversi. Sarebbero della partita situazioni come il campo sportivo (che immagino sia già a norma, ma non ne sarei cosi sicuro), eventuali sponsor e supporti economici fondamentali, la vicinanza delle istituzioni, e soprattutto una mentalità nuova e meno provinciale del passato, che possa combinare, se possibile, meno danni.

Forse nel momento più prestigioso della società e cioè ai tempi 'Gaucciani', ad una ribalta, anche mediatica, di tutto rispetto che si era creata in città, non si rispose certo con una equivalente organizzazione. Purtroppo molte domeniche accadeva di tutto e di più. Situazioni spesso disdicevoli e imbarazzanti che si protraevano nonostante venivano fatte notare. Erano tempi nuovi e non si era preparati, ma nemmeno il tempo aiutò a superare questo handicap, definendo forse già da allora che la massima posizione societaria e calcistica raggiungibile in città, è forse quella attuale.

Prima di ottenere traguardi ambiti e gloriosi, bisognerebbe forse costruire attorno una situazione in grado di poterla accogliere in maniera degna e ottimale, in modo da conservarla, e farla durare e crescere nel tempo, prima che i fattori di cui sopra la deturpino fino a farla fuggire di nuovo. Insomma servirebbe prima costruire una culla accogliente e sicura e poi far nascere una creatura nuova, sapendo di poterle assicurare un prosieguo molto più tranquillo.

Naturalmente in queste ultime giornate farò il tifo per i colori gialloblu, sperando di dissipare tutti i dubbi e le incertezze in quel giorno di maggio in cui il sole possa splendere e durare anche per il prossimo anno.

Forza Viterbese e avanti tutta. Più forte di tutto.

Massimiliano Milani

 

''Se quella cosa accadrà, smetteremo di svelarvi la verità sull'amministrazione Michelini''.

Esercito di Fioroni

 

''Prometto che se quella cosa accadrà, smetterò di mandare a tutti, amici, parenti e conoscenti, messaggi a ogni orario del giorno e della notte sulla Viterbese! Non vi tormenterò più con i miei dubbi atroci, lo prometto. Almeno fino a settembre...''

Paola Piacentini


''Se succede quella cosa, prometto di ricostruire la tribuna Pratogiardino con seggiolini nuovi di zecca: ho già pronte duecento poltroncine del cinema Genio''.

S. C.

Viterbo

 

''Se succede mi accodo a Stefano Camilli con aggiunta di non bere caffe borghetti per un mese''.

Orlando

Antichi valori

 

''Mi impegno solennemente davanti al dio dei cinici e dei bari e agli uomini che cedono davanti a tutte le tentazioni che, se la Viterbese dovesse ottenere quella cosa che non nomino, a contare una ad una tutte le buche che ci sono sulla strada da Viterbo fino alla sede della Lega Pro''.

Edmond D. Dantes

Viterbonews24


''Faccio spesso 400 chilometri in macchina per vedere i leoni. Se succede quella cosa… li faccio in bici!!!''

Claudio Ferri

via Whatsapp

 

''Se succede quella cosa, non mangio più tramezzini fino all'inizio del prossimo campionato''.

Stefano Camilli

Antichi Valori

 

''Se se succede, io rinuncio per un mese alle mie rotelle di liquirizia (spero di farcela...)''

Paola Nefer Tari

 

''Se accadrà, e accadrà, insieme ad Andrea Arena completeremo a forza di braccia il blocco mancante dell'ospedale di Belcolle''.

Luigi Taddeucci

 

''Non ricordo l'ultima volta che ci sono andato ma se succede quella cosa giuro che vado a messa per un anno tutte le settimane!!!

Daniel De Falco

via email

 

''Se l'8 maggio, oltre a quella della mamma, si fa anche un’altra festa, prometto solennemente di rinunciare per un mese ai rigatoni alla pecorara de Il Molino con il mio amico Edmond D. Dantes''.

Cesare Carità

via WhatsApp

 

''Noi se tutto va come deve andare andiamo a piedi scalzi dallo stadio a Santa Rosa''

Antichi Valori (con Franco Pizzi che si accoda)

 

''Se succede quello che succede...giuro solennemente e con estremo piacere, di tatuarmi l'unico vero e storico simbolo della Viterbese calcio, come prova di estrema ed eterna fedeltà ai nostri colori. Avanti Leoni!''

Gabriele

Curva Nord Vt

 

''Il mio fioretto... Non bestemmiare per un mese. E mi ci devo impegnare davvero tanto...''

348.36*****

via WhatsApp

 

''Se succede quella cosa, prometto solennemente di chiudermi in una stanza con Claudio Petricca per 12 ore e ascoltarlo parlare della tattica calcistica. Oltre baciarlo in bocca, ça va sans dire''.

Maurizio Donsanti

 

''Se succede quella cosa lì farò il bagno nella fontana del Sacrario. Vestita, per carità, che mica voglio creare scandalo o far venire il mal di pancia a qualcuno. Con una preghiera, però, al sindaco di Viterbo Leonardo Michelini e all’assessore ai Lavori pubblici Alvaro Ricci: pulitela, la fontana, prima che io ci faccia il bagno, perchè non vorrei dovermi per forza prendere anche il colera, visto che il tifo (quello gialloblu, ovviamente) gia ce l'ho. Non foss'altro che per godermela almeno qualche anno, la Viterbese in serie C, dopo tanto penare''.

Eleonora Celestini

 

''Se succede quella cosa lì, prometto solennemente di completare con le mie mani e col sudore della mia fronte, l'ultimo tratto della Trasversale. Ma anche la Diagonale, la Tangenziale, la Parallela, la Verticale, il Grande Raccordo Anulare e pure l'impepata di cozze. Lo giuro''.

Andrea Arena

 

La Viterbese potrebbe (potrebbe, attenzione: occhio malocchio prezzemolo finocchio, ai ui ue la fortuna viene que') festeggiare qualcosa di importare di qui a qualche settimana. Dopo anni di sfiga che neanche zio Paperino, e di tafazzismo che neanche Tafazzi, appunto. Raccolti in veglie di preghiere, e attivate tutte le maghe rituali del centro Italia, senza neanche nominare il traguardo in questione (né mai lo faremo), Viterbonews24 intende raccogliere, pubblicare, e poi archiviare per i posteri ciò che i tifosi sarebbero pronti a fare affinché arrivi il Grande giorno. Insomma: quali fioretti, quali sfide, quali sacrifici (perché il Trionfo è anche sacrificio) siete, siamo, disposti a fare perché la succeda quel che deve succedere?

Ogni giorno pubblicheremo i fioretti che ci arriveranno via mail (QUI) o via facebook o twitter sui nostri profili, oppure via WhatsApp inviando un messaggio al numero: 3498294963. Altri li aggiungeremo direttamente noi.

Scrivete e sacrificatevi, affinché un'eventuale vittoria possa essere davvero di tutti.





Facebook Twitter Rss