ANNO 9 n° 169
Viterbese, precedenti negativi ad Olbia
Per i gialloblu 8 sconfitte ed una sola vittoria al Nespoli

di Stefano Renzo

VITERBO – Viterbese bella e fatta per la trasferta di Olbia. Nessuno degli infortunati recupera, la lista degli indisponibili si è addirittura allungata con i nomi di Matias Cuffa (infortunato, ne avrà per un mesetto) e di Emilio Dierna (squalificato), cui fa riscontro il recupero dopo squalifica di Tortolano, e a mister Lillo Puccica restano davvero poche scelte in ogni reparto con la sola eccezione costituita dalla abbondanza degli esterni d’attacco, cinque per due posti.

Ieri il tecnico gialloblu ha provato, non a Grotte ma in uno stadio Rocchi ancora blindato e vietato ai tifosi, non tanti ma ugualmente degni di rispetto, che continuano ad arrivare allo stadio per assistere agli allenamenti e sono costretti o a bivaccare fuori dai cancelli o a cercare soluzioni di fortuna per seguire le evoluzioni dei propri beniamini; ieri, dicevamo, Puccica ha provato schemi e movimenti alternando i suoi uomini anche in posizioni diverse, lasciando comunque intendere che non rinuncerà al suo 3-4-3 in questa trasferta sarda cui tutti in casa gialloblu tengono moltissimo.

I precedenti tra Viterbese ed Olbia, in gare di campionato, play off compresi, sono ventuno e i dati statistici vedono in vantaggio la Viterbese che ha vinto 9 volte, in 6 occasioni l’hanno spuntata i sardi e 5 scontri sono finiti in parità. Nel complesso, 22 i gol realizzati dai viterbesi, 23 quelli messi a segno dagli isolani. Il fattore campo spesso e volentieri è risultato decisivo: al Rocchi sono state registrate 8 vittorie dei padroni di casa, 2 pareggi ed 1 sola vittoria dell’Olbia, quella della gara di andata di questa stagione. Al Nespoli ha vinto l’Olbia in 5 circostanze, in 3 occasioni è stato pareggio ed 1volta ha vinto la Viterbese, 1-0, nella stagione 2014/15, serie D.

Il confronto tra le due formazioni è datato e si è ripetuto nell’arco di settanta anni. La prima volta in assoluto risale al campionato di Serie C 1947/48 e porta la data del 26 ottobre 1947 allorché alla Palazzina si imposero i gialloblu con il punteggio di 3 a 1. Nella gara di ritorno della stessa stagione, l’Olbia ottenne il pronto riscatto imponendosi con un indiscutibile 3 a 0. Sono dovuti passare 24 anni prima che le due squadre si ritrovassero di fronte: campionato, ancora di serie C, 1971/72 e la Viterbese vinse in casa per 1-0 all’andata, ma cedette (0-2) nella gara di ritorno giocata ad Olbia.

Il primo pareggio tra le due squadre si verifica nel campionato 1972/73, serie C, e fu il classico 0-0 maturato al termine dei novanta minuti della gara di ritorno giocata alla Palazzina. Dal ventesimo secolo ai giorni nostri per registrare la prima volta in cui salta il fattore campo: la stagione è quella 2014/2015, il campionato è quello di serie D e le due squadre si incontrano tre volte (due nella fase regolare, una nei play off) e sono tre vittorie della Viterbese che si impone per 2 a 1 in casa nella gara di andata, vince, 1-0, per la prima volta al Nespoli nel ritorno e batte ancora 1-0 anche il confronto dei play off, ad eliminazione diretta, giocato ancora all’Enrico Rocchi.

L’Olbia torna alla Palazzina nella partita di andata della stagione successiva ed è ancora successo della Viterbese (3-1) che al ritorno ad Olbia ottiene il 2-2 che, almeno moralmente, le spiana la strada alla promozione in Lega Pro. E nell’ultima volta tra le due squadre, all’Olbia riesce il colpaccio di violare l’Enrico Rocchi dove non aveva mai osato: è ancora fresco il 3-0 con cui i sardi si sono imposti con una facilità inattesa il 13 novembre scorso, nella gara di andata della attuale stagione: praticamente tre tiri (di Piredda, Ragatzu e Capello) verso la porta difesa da Iannarilli furono tre gol che segnarono la prima sconfitta interna della stagione della Viterbese e, come detto, il primo ed unico successo dei sardi alla Palazzina.



Facebook Twitter Rss