ANNO 9 n° 341
Viterbese, inizia il Cornacchini bis
Il mister si riprende la panchina: ''Non mi aspettavo questa chiamata''

di Stefano Renzo

VITERBO – Il Giovanni Cornacchini 2 è iniziato ieri pomeriggio. Con una seduta di allenamento sostenuta all’Enrico Rocchi (non più alla Scuola Sottufficiali, come previsto) che il tecnico di Fermo ha utilizzato più che altro per constatare le condizioni della squadra e per conoscere un po’ più da vicino quegli che per lui sono volti nuovi rispetto all’organico che aveva lasciato a dicembre.

Ha voluto vedere in campo, il neo mister gialloblu, tutti i giocatori a sua disposizione (mancava Scardala, mentre Jefferson ha lavorato in palestra e con molte probabilità domenica non sarà disponibile) subito dopo averli incontrati brevemente nel chiuso degli spogliatoi (dove in precedenza c’era stato il saluto di Dino Pagliari) e dopo aver scambiato poche battute con i cronisti presenti. “No, non me l’aspettavo questa chiamata – dice - ma questo non vuol dire che non sia felice di essere qui. Tutt’altro, sono molto contento della fiducia che la società ha voluto darmi, fiducia che farò il massimo per dimostrare che è stata ben riposta”. La squadra è cambiata molto rispetto a due mesi fa e Cornacchini ritiene sia più forte di allora. “Molti dei nuovi arrivati li conosco e sono elementi di valore, di altri ho ricevuto informazioni altrettanto positive. Sì, ritengo che questa squadra sia maggiormente completa, sia qualitativamente che quantitativamente, rispetto a quella, pure buona, che ho allenato ad inizio stagione. Adesso dovremo impegnarci tutti perché questo giudizio venga domenicalmente dato anche dal campo”. Il discorso scivola inevitabilmente alla trasferta di domenica a Pontedera. “Una partita da prendere con le molle – non si fa cogliere impreparato Cornacchini – su un campo in sintentico (e non in terra battuta come erroneamente scritto in precedenza ndr) e contro un avversario da non sottovalutare. Un problemino me lo hanno già prospettato, quello di una probabile assenza di Jefferson: speriamo che possa recuperare in fretta ed intanto ci organizziamo per la necessità”.

L’attaccante brasiliano che si è infortunato contro la Lupa, ieri – come già detto – ha fatto solo palestra lamentando un problema muscolare. Oggi, quando si conoscerà il responso dell’ecografia, si potranno avere notizie più precise sul malanno e sui tempi di recupero. Fosse solo una contrattura, come tutti sperano, sarebbe comunque azzardato prevedere un recupero per Pontedera.

E’ iniziato il Cornacchini due, dicevamo, nel momento in cui è terminata l’avventura di Dino Pagliari sulla panchina della Viterbese. Una avventura breve, di poco più di due mesi, nove partite - quattro delle quali vinte, tre pareggiate e due perse – per quindici punti che dicono 1,66 punti a partita di media. “I punti non sarebbero pochi – ha detto il patron Piero Camilli – ma è il gioco che è mancato e questo non poteva essere più accettato per una squadra come la nostra, diventata ritengo buona dopo gli interventi sul mercato di gennaio”.

La squadra torna ad allenarsi oggi, con una sola seduta, nel pomeriggio, alla Scuola Sottufficiali. Ieri sono stati intanto rese note le decisioni del giudice sportivo: come previsto, nessuno squalificato nelle file gialloblu. Si conosce anche il nome dell’arbitro che dirigerà Pontedera – Viterbese di domenica: è Alessandro Pietropaolo di Modena, assistito da Alex cavallina di Parma e Marco Della Croce di Rimini.



Facebook Twitter Rss