ANNO 9 n° 264
Viterbese, bisogna soltanto vincere
I gialloblu non possono sbagliare la seconda gara interna consecutiva

di Stefano Renzo

VITERBO – Serve soltanto vincere. Alla Viterbese contro il Pro Piacenza (stadio Rocchi, ore 14,30) necessitano i tre punti. Per evitare il rischio di uscire dalla zona play off, perché fallire il secondo appuntamento interno consecutivo rappresenterebbe un flop difficile da digerire, perché il successo contro gli emiliani consentirebbe anche di preparare nel modo migliore la difficile trasferta di Livorno di sabato prossimo.

“Un’altra gara tosta – dice Giovanni Cornacchini – un altro avversario che sta viaggiando con il vento in poppa, che però ritengo possa essere alla portata di questa Viterbese. Specie se riusciamo a non ripetere quegli errori, specie sulle palle inattive, che hanno caratterizzato in larga parte la sconfitta di una settimana fa. Errori sui quali abbiamo lavorato sodo in questi giorni. Le assenze? Fanno parte del gioco del calcio, anche se magari non nella misura in cui stanno capitando a noi, inutile comunque stare a piangerci sopra pur riconoscendo che certe assenze hanno peso, Pensiamo a scegliere il meglio tra i disponibili ed impegniamoci a sbagliare il meno possibile ad ogni livello”.

L’avversario merita il massimo rispetto, come tutti in questa categoria ed in questo tutto sommato equilibrato girone. Una squadra, il Pro Piacenza, che non difetta di esperienza in ogni reparto, a partire dalla difesa che subisce pochi gol (28 in ventotto partite) per finire ad un attacco non particolarmente prolifico (32 gol, uno in meno di quello della Viterbese), comunque da non trascurare visto lo spessore di chi lo compone, ad iniziare dalla coppia Musetti – Pesenti, con quest’ultimo (13 gol finora) che oggi è costretto a dare forfait per le sue non perfette condizioni fisiche.

Assenze pesanti nelle file degli emiliani (non ci sarà anche il difensore – capitano Francesco Bini, squalificato), ma è ben più lungo l’elenco di quelli che non ci saranno sul fronte dei padroni di casa che a far bene i conti lamenta, tra infortunati, squalificati e fuori rosa, ben 8 defezioni, tanto che Giovanni Cornacchini, dopo aver inserito tra i convocati anche Battista vittima di un infortunio ad un gomito nell’allenamento di giovedì, per arrivare a 21 uomini è ricorso a tre ragazzi delle giovanili: il difensore Chiani, il centrocampista D’Antonio e l’attaccante Fioravanti.

VITERBESE (4-3-3): Iannarilli; Celiento, Miceli, Dierna, Varutti; Cruciani, Doninelli, Cardore; Falcone, Jallow, Sandomenico. All Cornacchini.

PRO PIACENZA (4-4-2): Fumagalli; Calandra, Belotti, Sall, Bianco; Pugliese, Aspas, Barba, Bazzoffia; Musetti, Cassani (Girasole). All. Pea.

ARBITRO: Marco D’Ascanio di Ancona

Assistenti: Lorenzo Meozzi (Empoli), Dario Garzelli (Livorno).



Facebook Twitter Rss