ANNO 8 n° 266
Una matura Viterbese ha ragione (1-0) di una generosa Carrarese
Decide Baldassin. Iannarilli, Rinaldi e Celiento su tutti. Buona prova dei nuovi

CARRARESE (4-2-3-1): Lagomarsini; Tentoni, Benedini, Ricci, Possenti (5' pt Agyei); Cardoselli, Rosaia; Vassallo (40' st Piscopo), Bentivegna (12' st Biasci), Tavano; Coralli. A disp. Borra, Andrei, Benedetti, Cazè, Cais, Foresta, Marchionni, Mele. All. Baldini.
VITERBESE (4-3-3): Iannarilli; Celiento, Sini, Rinaldi, De Vito; Baldassin, Di Paolantonio, Benedetti (30' st Zenuni); Vandeputte (34' st Sané), De Sousa (45' st Checchin), Bismark (1' st Peverelli). A disp. Pini, Micheli, Mendez, Mbaye. All. Sottili.

ARBITRO: Massimi di Termoli

MARCATORI: 33' pt Baldassin

NOTE: Un minuto di raccoglimento per ricordare un tifoso storico della Carrarese, recentemente scomparso . Spettatori 2000 circa. Ammoniti: Tentoni, Cardoselli, Celiento, De Vito, Benedetti, Coralli. Angoli 6-1. Recupero pt 1', st 5'

CARRARA – Attenzione a questa Viterbese. Concreta, affidabile, con una difesa di ferro, imperniata su un Rinaldi eccelso ed un Sini superbo. Celiento e De Vito fanno il loro, il centrocampo fa filtro, l'attacco è sempre vivo e mobile e così, allo stadio dei Marmi, esce il 2 in schedina. Vincono gli ospiti che segnano ed hanno la fortuna di non subire il gol in quei dieci minuti in cui la Carrarese schiuma rabbia. Nella ripresa gli apuani esauriscono presto la loro spinta, la Viterbese controlla senza forzare i tempi.

Solito 4-2-3-1 per la Carrarese, con quattro punte più o meno effettive. La Viterbese risponde con un 4-3-3 e l'ingresso, dal 1', di Rinaldi e De Vito in difesa, Benedetti a centrocampo e De Sousa in attacco. Si parte. Nemmeno il tempo di annotare gli schieramenti tattici che Possenti si infortuna al setto nasale. Cambio, entra Agyei che si sistema a centrocampo con Rosaia che finisce subito sulla fascia destra. La Carrarese parte in quarta, Coralli costringe Iannarilli a volare (9') per deviare il primo tiro verso la porta cimina. I toscani cercano il fraseggio palla a terra con inserimenti dei fantasisti, Bentivegna, a questo proposito, è uno dei più attivi. Occasioni importanti non ce ne sono anche se sono gli apuani a menare le danze. Dopo la mezz'ora fuochi d'artificio. Coralli non sfrutta un assist di Tavano, Iannarilli abbranca. Al 34' il gol ospite. Schema su punizione per Rinaldi sul secondo palo, tocco volante per il tiro di Baldassin che, nonostante fosse braccato da dietro da Ricci, riesce ugualmente a mandare la palla sotto la traversa. La Carrarese schiuma rabbia. Al 37' una girata di Coralli finisce alta di pochissimo dopo una volata a sinistra di Bentivegna. Tre minuti e si replica. Tentoni, sempre da sinistra, manda la palla in mezzo ma Bentivegna non è preciso e la palla finisce sul fondo. Clamorosa, poi, la chance del 42' quando Coralli sorprende Rinaldi e si invola verso la porta di Iannarilli. Al momento del tiro, però, il bomber vede Tavano libero che, mentre la difesa della Viterbese torna precipitosamente, scivola al momento del tiro e centra in pieno Iannarilli che abbranca in presa a terra.

Peverelli sostituisce Bismark nella ripresa, si sistema largo a destra con De Sousa centrale e Vandeputte a sinistra. La Carrarese stringe gli avversari nella propria metà campo ma non riesce a sfondare l'attenta difesa cimina impostata sulla coppia Sini-Rinaldi. Un colpo di testa di Peverelli non solletica Lagomarsini. Biasci entra e fa volare subito Iannarilli che salva anche al 19' su un colpo di testa di Vassallo. De Sousa è sempre pronto a pungere, gli apuani non riescono ad innescare le loro punte, Baldassin e Sanè (36') costringono i toscani a salvarsi in extremis con un break. Nel finale Biasci tenta il colpaccio (46'), Rinaldi tocca e Iannarilli vola e con la mano va a deviare la palla destinata nell'angolino.



Facebook Twitter Rss